Febbraio 5, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Collettivo per la salute è contrario al reinserimento delle badanti sospese

Il reinserimento del personale infermieristico sospeso per obbligo vaccinale è ancora oggetto di dibattito. La scorsa settimana, dopo aver ricevuto il gruppo di organizzazioni in difficoltà e badanti sospese, i funzionari eletti in Guadalupa hanno inviato una lettera al primo ministro per chiedere soluzioni per riportare al lavoro le badanti sospese. Una richiesta non per tutti i gusti, soprattutto l’equipaggio impollinato della Guadalupa.

Come immaginiamo la dittatura di una minoranza, come immaginiamo il fallimento e l’indebolimento della scienza, della ricerca e della medicina, si legge nel loro comunicato stampa.

influenza minoritaria?

Dicono di voler allertare le autorità sulle decisioni che potrebbero essere prese:

Noi, gli operatori sanitari vaccinati della Guadalupa, allertiamo le autorità politiche e mediche del Paese e chiediamo loro di misurare attentamente le possibili conseguenze delle loro azioni se si tratta anche solo di un momento di reintegrazione dei non vaccinati.

Ha preso ad esempio l’uso del clordecone con “la pressione esercitata da Albekis sui politici locali che a loro volta hanno continuato a fare pressione sullo stato per espandere l’uso della molecola nei campi di banane”.

Il “Kolectif pou santé” mette in luce la “salute dei più vulnerabili”, “il futuro della professione” e il fatto che rappresenta “il 98% dei vaccinati” contro il 2% “che ha perso la strada” e che manca ” buon senso”.

Chiedendo ai non vaccinati di abbandonare la professione medica, i membri di questo gruppo avvertono che anche loro possono “iniziare”.

READ  lupi | Il parassita può dettare la scelta del capogruppo