Campania Cava de' Tirreni Cronaca EVIDENZA

Cofima danno erariale? Accertamenti sui componenti dell’ex Amministrazione Galdi

L’acquisto dell’ex Cofima un danno erariale per il Comune di Cava de’ Tirreni?

Cava de’ Tirreni. Consiglieri e ex consiglieri nel mirino della Procura della Corte dei Conti. In venti sono stati destinatari, nei giorni scorsi, di un atto di costituzione in mora a firma del Segretario Generale Monica Siani, su sollecitazione della Procura, a «titolo meramente cautelativo nei confronti di quanti, legati da rapporto di servizio con l’amministrazione, risultano riconducibili alla decisione di effettuare l’acquisto dell’area industriale ex Cofima».

In sostanza l’atto è stato recapitato a quanti, nel 2010, si espressero con voto favorevole all’acquisto per circa 4,6 milioni di euro dell’immobile di via XXV luglio, disposto dall’allora sindaco Marco Galdi per l’attuazione di un ampio progetto mirato alla realizzazione di un nuovo ospedale da 300 posti letto per una spesa totale.

Col passare degli anni, però, il progetto non è mai andato in porto e ora le autorità competenti hanno avviato una serie di accertamenti a riguardo.

Nel mirino dei controlli, quindi, i consiglieri (alcuni dei quali oggi siedono ancora in assise) che all’epoca si espressero positivamente in sede di consiglio comunale per l’acquisto dell’ex Cofima.

La messa in mora arrivata all’attenzione degli amministratori definisce, dunque, il risarcimento nei confronti del Comune del danno erariale patito dall’Ente a seguito dell’acquisto concretizzatosi con l’accensione di un mutuo attualmente ancora attivo.

Stando al provvedimento il danno erariale è stato quantificato in una somma totale di 2 milioni e 996.

Leggi anche: Cava de’ Tirreni: dissequestro ex Cofima, il Consiglio di Stato sospende il giudizio

Tags

Per continuare ad usare questo sito, devi accettare la politica di uso dei Cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi