Maggio 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Ciò che sappiamo, a questo punto, riguarda la risposta militare israeliana

Ciò che sappiamo, a questo punto, riguarda la risposta militare israeliana

Israele ha risposto tempestivamente, venerdì 19 aprile, all’attacco missilistico e di droni lanciato dall’Iran il 13 aprile contro il suo territorio. Tuttavia, Teheran ha lavorato per minimizzare la portata di questa risposta, la cui natura e modalità sono rimaste incerte al mattino. Segnalazioni di esplosioni vicino alla città di Isfahan (al centro), che ospita diversi siti militari, compresi quelli nucleari e balistici. Il 14 aprile, da questi siti sono stati filmati attacchi missilistici che hanno preso di mira almeno una base dell'aeronautica israeliana.

Leggi anche | Live Iran-Israele: Dopo aver abbattuto i droni sul suo territorio, Teheran non menziona lo Stato ebraico, che tace

Dice un residente di Isfahan Lunedì Sentire forti shock e crederci all'inizio “È stato un terremoto”. Lo ha riferito l'agenzia Fars News, affiliata alla Guardia rivoluzionaria Tre esplosioni sono state udite vicino a una base militare dell'esercito a Isfahan Afferma che è stata attivata la difesa aerea contro un possibile drone. Spiega che un altro oggetto volante sospetto ha attivato queste difese anche a Tabriz (nord-ovest), a pochi chilometri da Misfa.

Le agenzie iraniane hanno citato il comandante dell'esercito a Isfahan, Siavush Mihandoust, che avrebbe affermato che il rumore dell'esplosione sentito dai residenti proveniva dalla difesa aerea.. “Non abbiamo subito danni e non ci sono stati incidenti”., ha sostenuto. All'alba, la televisione ufficiale iraniana ha inviato i suoi giornalisti nel centro della città di Isfahan, per sottolineare la calma prevalente e il proseguimento della vita quotidiana come al solito.

Non ci sono missili, secondo gli iraniani

Immagine satellitare di Isfahan, Iran.

Anche un funzionario del Consiglio Supremo per il Cyberspazio, che regolarmente parla a nome delle Guardie Rivoluzionarie, ha negato che l'attacco includesse attacchi missilistici. Informazioni che venerdì mattina Israele non ha confermato né smentito. Ha affermato che i droni abbattuti erano a corto raggio e sono stati lanciati dal territorio iraniano. Nel chiarire questo inizio della storia ufficiale, un analista lo ha confermato alla televisione di Stato “piccoli droni” È stato lanciato prima “Infiltrati dal territorio iraniano” – Si tratta di un'operazione che l'intelligence estera israeliana potrà effettuare, avendo già effettuato almeno un attacco del genere in passato. I voli dagli aeroporti di Teheran, interrotti all'alba, avrebbero dovuto riprendere in mattinata.

READ  La salute di Putin: il regista americano Oliver Stone rivela che il leader russo ha un cancro

Nella situazione attuale, e senza alcun giudizio preventivo sulla letalità dell’attacco, sembra che lo Stato ebraico abbia scelto una risposta relativamente conservatrice, lasciando a Teheran la possibilità di non rispondere. Il governo e l'esercito israeliani non hanno commentato i raid fino a venerdì mattina. Domenica, funzionari israeliani hanno dichiarato che il consiglio di guerra prenderà in considerazione non solo l'esito molto limitato dell'attacco iraniano del 13 aprile, ma anche le intenzioni di Teheran, compreso un attacco massiccio, dal significato simbolico senza precedenti, che sembra destinato a infliggere un danno reale. .

Ti resta il 69,68% di questo articolo da leggere. Il resto è riservato agli abbonati.