Marzo 3, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Ciò che non viene detto si nasconde dietro il falso annuncio del ritiro dal Marocco

Ciò che non viene detto si nasconde dietro il falso annuncio del ritiro dal Marocco

Il falso annuncio del ritiro di Starbucks dal Marocco è in realtà l’albero che nasconde la foresta. “Annunciando o meno il ritiro o la crisi, ciò che è chiaro è che c’è preoccupazione nel settore commerciale locale in Marocco. “Il modello economico non può continuare”, ha sottolineato Mohamed Al-Fani, presidente della Federazione marocchina di Eccellenza (FMF). sfida. Secondo lui c'è davvero bisogno di riconsiderare l'imposta immobiliare e l'imposta commerciale. “Abbiamo sensibilizzato le dogane sulla necessità di ridurre i dazi doganali sui prodotti al di sotto del 30%, perché questo tasso colpisce gli operatori che, una volta stabiliti in Marocco, non trovano un ecosistema in grado di compensare le loro esigenze, sono costretti ad esportare, ” lui spiega. .

Leggi: Starbucks e H&M non lasceranno il Marocco

La crisi sanitaria del COVID-19, combinata con l’elevata inflazione degli ultimi anni, ha avuto un impatto negativo su marchi come Starbucks situati in un paese in cui il modello economico è ancora molto fragile. “Oggi c'è una reale necessità di pensare al modello economico del commercio locale. Attualmente c'è un grande divario tra la visione della Direzione Generale delle Imposte e quella del Ministero sulla realtà del mercato”, analizza Al-Fan, raccomandando uno studio a lungo termine a cui partecipino i professionisti coinvolti, che possa fornire una visione realistica e sostenibile.

Il gruppo Alshaya possiede attualmente 18 caffè Starbucks in Marocco.

READ  Nuovi cadaveri nell'armadietto bpost