Giugno 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Ciò che ci ha scioccato soprattutto è stato il suo atteggiamento e quello di sua moglie, che mostra un sincero disprezzo per noi”.

“Ciò che ci ha scioccato soprattutto è stato il suo atteggiamento e quello di sua moglie, che mostra un sincero disprezzo per noi”.

Jean-Paul Roucel e sua moglie, antiquari Aisne, fanno parte della Maison des brocanteurs, nell’ex Banque de France, dal settembre 2021. Dopo un anno e mezzo di presenza, la coppia – che ha partecipato questa domenica, 19 marzo, nella vendita dello spot Péronne in Place Daudré – lamentava di essere stato costretto a lasciare i locali in fretta e senza preavviso, all’inizio del 2023.

Jean-Paul Roucel e sua moglie non hanno apprezzato il modo in cui hanno dovuto lasciare la casa dei rigattieri.

Abbiamo ricevuto personalmente, domenica 29 gennaio 2023, una lettera firmata da Julien Cohen presso la Maison des brocanteurs, il corriere ci ha comunicato ufficialmente di lasciare la sede e ricevere tutti i nostri averi entro il 31 gennaio. Ciò che ci ha scioccato soprattutto è stato l’atteggiamento del signor Cohen e di sua moglie, che hanno mostrato un sincero disprezzo per noi». Questa persona anziana, originaria di Peron, che lavora al mercato delle pulci da quindici anni. Picard.

Il motivo di questo disaccordo: affermazioni “sulfuriche” che sono “inaccettabili e minacciose” e una posizione “inappropriata”, secondo il contenuto della lettera ottenuta da Curie Picard!

Non mi sono mai abituato a nessuno. Non potevo sopportare di vedere e vendere i cosiddetti nuovi rivenditori di cose usate. Sono uno specialista di cristalli, so come distinguere il baccarat dal vetro, per esempio. Non è stata colpa mia se ho chiuso…” Quest’uomo sospira, confermando che avrebbe comunque lasciato la Maison des Brocanteurs.

READ  La guerra in Ucraina: Kiev dichiara nuove vittorie e critica "l'atto di disperazione" dei russi
-->

Contattato, Julian Cohen sostiene di aver dovuto prendere quella decisione, senza spensieratezza. “Non ho nulla contro di loro, ma quando un professionista si permette di criticare ripetutamente il suo collega in pubblico davanti a molti clienti, è inaccettabile. Quindi abbiamo dovuto prendere misure drastiche”.