Dicembre 10, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Christian Quesada interferisce in “Touche pas à mon poste” e attacca Gil Verdes


Nelle ultime settimane, nuovi sviluppi nel caso Cristiano Quesada È stato ampiamente riportato dai media. Durante il periodo di libertà vigilata dal marzo 2021, l’uomo è stato arrestato il 27 settembre per non aver rispettato uno dei termini del suo rilascio. Il procuratore Jean-David Cavaye rileva in particolare che egli “non è attivo nella ricerca di lavoro”. Torniamo quindi al fondo carcerario dell’ex eroe di “12 Coups de midi”, che uscirà il 27 ottobre, o prima, se potrà beneficiare della commutazione della pena, come ha affermato il giudice il 6 ottobre. . Ricordiamo che è stato incarcerato nel 2019, dopo aver scoperto immagini e video pedopornografici sul suo computer. Un anno dopo, il tribunale penale di Burg-en-Bresse lo ha condannato a tre anni di carcere per corruzione di minori e possesso e diffusione di materiale pedopornografico.

Questo venerdì, 7 ottobre. Non toccare la mia TV Trasmettono estratti da una nuova testimonianza dell’autore del reato, in cui tornava sui motivi della sua attuale reclusione, insistendo per tornare su quanto rivelato dai media. Ho un controllo giudiziario che rispetto. Quindi smettila di fantasticare e mentire (…) senza sosta sul set dello show. Non giurerò sulla testa dei miei figli, sono sotto il mio controllo giudiziario, rispettando la mia più bassa nomina ‘ho preso dall’inizio, prima di attaccare Gil Verdes: ‘Non conosco il nome di questo tasso. Christian Quesada si è anche difeso dall’essere un criminale, affermando di essere stato condannato per un crimine che lo rende un delinquente, e non un criminale, come spesso è qualificato.

READ  Agatha Likaron dice: "Ho avuto la caduta di un organo..."

Ancora più inquietante, sembrava minimizzare alcuni dei fatti di cui era stato accusato, affermando: “Per l’inconscio collettivo, la pornografia infantile è davvero roba, con i bambini che creano legami, ecc. Si è difeso. Non è stato menzionato in quel momento. , tuttavia, Guillaume Genton ha denunciato queste osservazioni pochi minuti dopo”. La cosa più imbarazzante è che vediamo che sta mentendo molto chiaramente. L’ultima volta, ha mentito sul tipo di file sul suo computer, dicendo: “Oh, va bene, questi sono file per ragazzini nudi”. No, questi sono casi di stupro di bambini di età inferiore ai dieci anni. “È molto pericoloso”, ha insistito l’editorialista.