Aprile 18, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Champions League: Quando Mbappé cade basco

Champions League: Quando Mbappé cade basco

Alcuni mettevano in dubbio il suo impegno nei confronti della squadra, la sua motivazione nello spogliatoio o la sua lealtà verso il suo allenatore. È vero che il suo comportamento dopo l'uscita nell'intervallo di venerdì a Monaco (ha raggiunto i suoi cari in tribuna, invece di restare con i compagni in panchina) e le recenti scelte sportive di Luis Enrique, hanno portato poco sul tavolo. Macina al suo mulino epico. Ma dopo non aver risposto pubblicamente con le parole, Kylian Mbappé ha preferito sfruttare questa trasferta alla Real Sociedad per mettere le cose in chiaro.

Dopo aver segnato all'andata a Parigi tre settimane fa, il capitano del Paris Saint-Germain sembrava davvero impegnato nella missione di San Sebastian. Dal suo arrivo all'aeroporto lunedì pomeriggio tra una folla di tifosi fino all'uscita dallo stadio Anoeta con la qualificazione in tasca nonostante il gol di Merino a fine partita per salvare l'onore basco (89:1). -2).

Mbappé due volte

Perché se i campioni di Francia torneranno ai quarti di finale per la prima volta in tre stagioni, sarà in gran parte merito del genio di Mbappé incarnato dal suo primo gol. Palleggiare a due passi dalla sinistra del rettangolo grande per avere una finestra di tiro e poi lanciare la palla nella piccola rete opposta (15a posizione: 0-1).

Bisogna però fare i complimenti anche ad un altro genio parigino: Luis Enrique. In primo luogo, la sua gestione del caso Mbappe, sia nelle decisioni tattiche che hanno dato i loro frutti, sia nelle conferenze stampa in cui ha saputo coniugare perfettamente franchezza e umorismo. E anche per l'audacia di schierare in Champions League gli 11 giocatori più giovani della storia del Paris Saint-Germain (23 anni e 361 giorni), grazie a Zaire Emery (17 anni), Beraldo (20 anni) e Barcola ( 21 anni). Poi all'uso innovativo del tridente offensivo. Con Ousmane Dembélé in posizione centralissima, si piazza quasi al numero 10 per lasciare molto più spazio a Barcola (a destra) e soprattutto a Mbappé (a sinistra).

READ  Incredibile: Mbappe ha smesso di giocare... perché non lo superiamo

Champions League: il Paris Saint-Germain non trema contro la Sociedad grazie allo splendido Mbappe, e il Bayern Monaco mette ko la Lazio

Il capitano francese ha anche approfittato di tutto lo spazio a sua disposizione sulla sua ala preferita per volare via e segnare il secondo gol prima dell'ora (57: 0-2). Dalla sua scoperta in Champions League nel 2016, il capitano francese ha già segnato 24 gol mancanti (in 32 partite). Di cui il 30% (7) sul territorio spagnolo. E meno male, dall'altra parte dei Pirenei il capocannoniere della storia del Paris Saint-Germain dovrebbe continuare la sua carriera.

Se la sua futura destinazione non è stata ancora rivelata, non ci sono più dubbi che il suo futuro sarà scritto al Real Madrid. Se le Merengues confermassero la qualificazione mercoledì sera contro il Lipsia (0-1 all'andata), ci sarebbe una possibilità su sette che Mbappe arrivi nella capitale spagnola più velocemente del previsto, dai quarti di finale. Risposta il 15 marzo durante il sorteggio.

Top e flop

Kylian Mbappé – 9/10

Non sente la pressione. Nemmeno lui lo beve. È riuscito a trasformarlo in spinta e determinazione. Nonostante tutto il circo che circonda le sue più piccole buffonate, Kylian Mbappe ha dimostrato il suo coinvolgimento nel progetto del PSG: arrivare il più lontano possibile in Champions League. Da buon leader è stato comunque perfetto nella situazione e soprattutto nell'esecuzione tecnica.

Hamare Traoré – 4/1

A questo livello avremmo potuto classificare l'attaccante basco Mikel Oyarzabal, completamente invisibile in questa partita. Ma il giocatore che ha sofferto di più è stato il terzino destro Hamari Traoré, molto impegnato davanti a Mbappe. Incapace di seguire l'accelerazione del parigino, il maliano ha provato a recuperare nel finale di gara con il suo apporto offensivo. Tuttavia, ha pagato il prezzo del suo grande dispendio energetico e non è stato in grado di giocare in modo corretto.

READ  Il club è retrocesso in seconda divisione, i tifosi invadono lo stadio e lanciano granate fumogene orizzontali (video)