fbpx
Campania Cava de' Tirreni Cronaca EVIDENZA Salerno

Cava, bomba carta distrugge la macchina della Avagliano. Indagini in corso.

Un boato poi le fiamme e la macchina di Filomena Avagliano è andata distrutta. Sul fatto indagano gli agenti del Commissariato di Cava de’ Tirreni.

Una bomba carta contro la Presidente del Centro di ascolto “Resilienza”. Il fatto è avvenuto nella serata di ieri, sul posto i Vigili del Fuoco e gli agenti del Commisariato di Polizia. Al vaglio degli inquirenti il gesto, probabilmente non casuale, che ha causato la distruzione dell’autovettura della Avagliano. Sullo sfondo il ruolo della Avagliano, presidente della “Risilienza”, il centro di ascolto nato come baluardo di lotta a tutte le violenze di genere.

Nel pomeriggio, arriva il commento di Filomena: “Gesto che colpisce, ma non mi ha silenziato”

Il grave gesto che mi ha colpita nella nottata di ieri nel quale una bomba carta ha distrutto la mia autovettura, mi ha profondamente toccata ma non mi ha silenziata. Le indagini sono nelle mani del Commissariato di Cava, che ringrazio per disponibilità, professionalità ed empatia. Le forze dell’ordine vicine al cittadino sono sempre un segno di maggiorata tutela, che rassicura – scrive Filomena Avagliano sul suo profilo facebook.

Mi auguro e spero, con tutto il cuore, che le indagini possano rivelare che questo vergognoso gesto sia stata solo la bravata di un folle e null’altro. Per gli accertamenti e per tutto il resto – conclude poi la presidente Avagliano – ci sono e saranno le professionalità della Polizia di Stato ad accertare la natura e la matrice di quel che mi è accaduto e lascio a loro ogni determinazione del caso. Grazie a tutti per la vicinanza e la solidarietà.

Attestato di solidarietà giunto anche da Lorena Iuliano, presidente del Consiglio comunale di Cava de’ Tirreni.

“Massima solidarietà a Filomena Avagliano per l’atto grave, vile ed inaccettabile perpetrato nei suoi confronti – scrive la Iuliano – mi auguro che i responsabili vengano presto identificati e adeguatamente puniti. Forza Mena.”