Marzo 3, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Carciofo, pianta in pericolo? | cibo

Carciofo, pianta in pericolo?  |  cibo

Coltivato principalmente nel nord della Bretagna, il carciofo non è più popolare in Francia: difficile da cucinare, evitato dalle nuove generazioni, le sue vendite sono in costante calo e i produttori sono preoccupati per il futuro di questo ortaggio emblematico della gastronomia francese.

«Il 2022 è stato un anno disastroso e quest’anno abbiamo ancora le conseguenze del caldo e della siccità», spiega Christian Bernard, 52 anni, in mezzo a un campo di carciofi a Tole (Finistère).

“Per un carciofo grosso e carnoso, il nostro prezzo è sceso ai 20/25 centesimi di euro a persona che pagavamo il prodotto. Dovremmo essere sui 55/60…”, esclama l’ortolano che coltiva questa pianta da 30 anni. Segno di malcontento, il 9 giugno decine di tonnellate di merce invenduta sono state distribuite dai produttori di Lannion (Cote d’Armor).

Il motivo di questo calo dei prezzi, il fattore meteo: la produzione di Breton e quella di Roussillon, la seconda regione francese, si sono sovrapposte in modo insolito all’afflusso di giugno sui banchi dei carciofi, che si dice amino avere il proprio i piedi nell’acqua e la testa al sole.

Ma oltre a questa situazione, c’è una tendenza strutturale di questo deterioramento. Perché secondo Pierre Gilebart, product manager carciofi di Prince de Bretagne, marchio di proprietà di diverse organizzazioni di produttori, “perdiamo 10.000 tonnellate di produzione di carciofi ogni dieci anni”, e ora sono solo circa 20.000 tonnellate nella penisola. armoricano.

Come spiegare il disinteresse dei consumatori per questi ortaggi, un tempo presenti nelle famiglie e nei menù delle mense?

Mentre il tempo di preparazione dei pasti è ridotto, i carciofi sono visti come un ortaggio che richiede molto tempo per essere preparato, insieme alla tendenza a voler saltare l’antipasto. “Un pasto francese, antipasto, piatto principale, dessert, che ci piaccia o no, sta perdendo slancio”, si lamenta il signor Gelipart, sottolineando che può essere preparato in soli dieci minuti nel microonde.

READ  La storia continua: Polonia nell'Unione, 20 anni di incomprensioni?

I carciofi, in concorrenza con verdure così rare nei nostri piatti come gli avocado, difficilmente piacciono alle giovani generazioni. “Quasi il 70% dei consumatori ha più di 60 anni”, osserva Gelibart.

“verdure dei coraggiosi”

Dal lato del prodotto, gli orticoltori si interrogano sul futuro dei carciofi, che sono stati definiti “ortaggi per i coraggiosi” per via del tempo di manodopera richiesto per coltivarli, data la loro scarsa redditività.

“Rappresenta 300 ore-uomo all’anno per ettaro”, rispetto alle otto ore all’anno per un campo di grano, osserva Marc Rousseau del suo campo a Henvic, che offre una bella vista sulla baia di Morlaix.

“Bisogna cercare il consumatore e ottenere prezzi favorevoli, altrimenti i produttori si stancano e ricorrono a un altro prodotto. È un peccato che le colture che fanno parte della gastronomia francese scompaiano”, aggiunge l’ortolano, osservando che in Italia e in Spagna il consumo annuo di “carciofo” e “alcachofa” per persona va dagli otto ai nove chili, rispetto ai 400 grammi per francese. .

Protagonisti del mondo del carciofo, servito per la prima volta in Francia alla tavola di Caterina de Medici nel XVI secolo e piantato intorno al 1810 nei campi bretoni, ne sottolineano le proprietà nutritive, la ricchezza di fibre, le profonde radici che lo rendono possibile per drenare bene il terreno o anche il suo aspetto insolito.

“Ci sono molte virtù nel mangiare i carciofi e ha un lato giocoso per i bambini, che sbucciamo”, sostiene Arnaud Lécuyer, vicepresidente della regione della Bretagna responsabile dell’agricoltura che ha invitato i social network a mangiare questo vero piatto dei poveri secondo alla celebre parola di Colucci.

READ  Frappes dans le Donbass, menace d'une attaque nucléaire… l'Ucraina craint l'escalade après le naufrage du navire russe Moskva

Un’altra speranza del settore, il Prince de Bretagne, che ha realizzato una campagna pubblicitaria nella metropolitana di Parigi, ha avviato l’operazione con l’Istituto nazionale di origine e qualità (Inao) con l’obiettivo di ottenere un carciofo protetto da indicazione geografica (IGP) dalla Bretagna.