Dicembre 7, 2021

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Bruxelles è molto indietro… a causa delle tasse

La pandemia causata dal Covid-19 ha dato un nuovo volto al mercato del lavoro. Nuovi fattori stanno ora giocando un ruolo nella scelta di un datore di lavoro/dipendente e l’avvento del lavoro a distanza ha ampliato o addirittura eliminato i confini che separano alcuni attori del mercato.

Con questo in mente, WorkMotion ha creato una classifica delle città che rendono il lavoro a distanza più facile di altre. Sono stati quindi presi in totale 17 fattori, tra cui la legislazione applicabile sul lavoro a distanza, il costo della vita, la parità di retribuzione, il sistema fiscale, la sicurezza, l’accesso all’assistenza sanitaria, la mobilità e persino la felicità. “La pandemia ha accelerato il trend del lavoro a distanza molto più velocemente di quanto potessimo immaginare”Karsten Lebtig, co-fondatore e Direttore generale movimento di lavoro. “La tecnologia necessaria per lavorare da remoto era già ben consolidata prima della pandemia. Quello che è cambiato è l’atteggiamento delle aziende nei confronti del lavoro a distanza, […] Accettando l’idea che il miglior candidato per un lavoro con loro potrebbe essere in un paese straniero”.

Melbourne in testa, Dubai al flop