Gennaio 22, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Belgi, benvenuti in Italia”, Introduce l’ambasciatore italiano Francesco Genuardi in vacanza

L’ambasciatore italiano Francesco Genuardi è stato ospite di Thomas Cardisex alla prima. Gli abbiamo parlato dell’inizio dell’immigrazione italiana in Belgio e dei rapporti che esistono ancora oggi tra i nostri due Paesi. In Belgio, quasi 300.000 belgi sono cittadini italiani.

Torna invece alla situazione post-Kovit in Italia, primo Paese in Europa a soffrire di crisi sanitaria dal febbraio 2020. Piano di rilancio dell’Italia ora verificato dalla Commissione Europea, come vede il futuro del Paese in questo contesto economico incerto? Infine, sulla scia delle tanto attese vacanze di quest’anno di crisi sanitaria, l’Italia, che punta molto sul turismo per rilanciare la propria economia, si prepara all’estate. Lei “Pronto”L’ambasciatore ha detto. Francesco Genuardi dice un messaggio sull’argomento: “Belgi, benvenuti in Italia”.


io Per saperne di più: Accordo carbone: “Grazie a Italia, Belgio ed Europa”


Regole collegate

I “Trattati sul carbone” firmati tra Belgio e Italia il 23 giugno 1946 hanno segnato il 75° anniversario di mercoledì. Il Belgio ha quindi cercato di rilanciare la sua economia devastata dalla seconda guerra mondiale. A quel tempo, il carbone era l’unica fonte di energia prontamente disponibile, ma sempre meno belgi erano disposti a lavorare nelle terribili condizioni delle miniere.

Il Belgio decide quindi di tornare in Italia alla ricerca di lavoratori stranieri, impantanato dal dolore e da una grave crisi politica. I giovani rappresentano un gran numero di lavoratori e guardano all’estero con il desiderio di sfuggire alla povertà. Dal canto suo, l’Italia se ne servirà per ricostruirsi assicurandosi l’importazione privilegiata di carbone.



4 foto





L’8 agosto 195, la miniera di Marcinell, a Boise du Cosier, prese fuoco. © Belka







262 minatori furono uccisi nella miniera di Marcinelle. © Belka







La tragedia di Marcinelle provoca la morte di 262 minori © Getty Images







Casa di famiglia per minatori a Marsiglia. © Belka

Dopo la guerra, infatti, il trattato permise a molti italiani di emigrare in Belgio. Ma questa non è la storia di un lungo fiume tranquillo, Tutte le storie di immigrazione sono storie difficili”., ha ricordato che l’ambasciatore italiano in Belgio era in carica da tre mesi.

Inoltre, la sua prima visita ufficiale fu a Marseinell, dove nel 1956 avvenne la tragedia che costò la vita a 262 minori. “Volevo fare il dovere della memoria”, Si riferisce al messaggero.

Se la storia dell’immigrazione italiana in Belgio è dolorosa, così sia “Non lo soLa forza del carattere degli italiani e la storia della generosità di una parte della popolazione italiana, molti emigrata, per aiutare il Belgio e l’Italia a riprendersi”, Dopo la seconda guerra mondiale, insiste Francesco Genuardi.

Per l’ambasciatore, questa è la storia delle regole che furono legate tra Belgio e Italia fino all’inizio dell’Unione Europea. “Questa è la storia di un affare”, insiste. Dopo la seconda guerra mondiale, non è stato un periodo facile e vorrei sottolineare la natura del trattato. Questo è un accordo tra i due governi in un momento molto difficile. Ma è un affare. Credo sia importante sottolineare che questo è un primo passo. Questo è il primo passo del movimento operaio. Circostanze e contesto non possono essere analizzati dalla prospettiva odierna, ma è il primo passo verso un percorso comune tra Italia e Pechino in termini di valori del lavoro, della pace e della sicurezza sul lavoro. Questo è il primo passo, detto anche Europa“, osserva.

Immigrazione italiana nel mondo, se esiste “Doloroso”, che ha permesso al Paese di riprendersi nel secondo dopoguerra, l’Italia oggi, alle porte del Mediterraneo, è al centro della crisi migratoria.


io Per saperne di più: 75 anni dopo la prima ondata di immigrazione italiana, la nuova ondata di immigrazione si intensifica


a questo proposito, Francesco Genuardi stime “Il contesto è cambiato, ma dobbiamo sempre guardarlo e gestirlo con i principi umanitari dell’unità, che sono molto importanti. È importante che l’Italia continui a sensibilizzare i suoi alleati europei”.

L’Italia affronta la crisi del virus corona

Al microfono di Thomas Cadizook, l’ambasciatore è tornato per discutere della crisi sanitaria e delle sue conseguenze economiche per il suo Paese. Il piano di risanamento dell’Italia verificato dalla Commissione Europea. V.S.Mercoledì sarà controllato anche in Belgio.

“Il fatto che la Commissione europea abbia verificato il piano italiano, e oggi stia verificando il piano belga, indica che Belgio e Italia sono ancora insieme. E i piani di risanamento sono stati depositati lo stesso giorno”., Evidenziato Francesco Genuardi. E lo ricordava, “IlL’Italia è stato il primo Paese ad essere colpito dalla crisi quando ancora nessuno credeva alla portata della tragedia..

Cosa ne pensi della reazione degli alleati europei in questo momento? “Si può dire che eravamo molto concentrati sull’affrontare la crisi. È vero che inizialmente molti paesi non hanno capito subito la portata della crisi. Questo è molto difficile. Dobbiamo aspettare che salga la marea per comprenderne appieno le conseguenze”., Lui dice.

Ma, come tutti i Paesi europei, l’Italia non è uscita indenne per motivi umani ed economici. Inoltre, molti giovani italiani stanno ora lasciando il loro Paese. La storia sta accadendo di nuovo? Per quanto riguarda l’ambasciatore, questo non deve essere confuso. L’ambiente di oggi è completamente diverso. “Mioe si colloca nel contesto europeo del movimento per la libertà dei lavoratori. La situazione economica è difficile ovunque in Europa. La crisi del governo ha colpito duramente. Questo è il motivo per cui i paesi dell’UE hanno deciso insieme di trasformare l’economia, ma sottolineo che siamo in un ambiente in cui la generazione Erasmus e le persone viaggiano. Ci sono molti giovani italiani in Belgio..

Ripresa del turismo in Italia

L’Italia è un paese la cui economia è in gran parte basata sul turismo. All’alba delle vacanze estive, il paese si prepara ad accogliere i turisti. L’ambasciatore italiano ha lanciato anche un appello: “Belgi, benvenuti in Italia”. Devo dire che questo paese è il terzo luogo preferito dai belgi.

L’Ambasciatore vuole assicurare ai turisti: “L’Italia ha lavorato duramente per accogliere tutti i turisti provenienti da tutto il mondo. Ci piacerebbe rivedere tutti i nostri amici del Belgio. L’Italia è un Paese bellissimo. Le norme sanitarie sono molto chiare. Vengono presi nei Paesi europei. . E per ricordare, “Abbiamo molte spiagge, ma le montagne e parti d’Italia sono aperte”..


io Per saperne di più: Francia, Italia, Spagna, Grecia: Nuove aree in arancione o verde, cambiate per i tuoi viaggi da lunedì


Ad oggi quasi tutta l’Italia è stata classificata verde dall’ECDC (Centro europeo per il controllo e la prevenzione delle malattie, ndr), tranne la parte meridionale del Paese, in arancione.

Il viaggio non è fortemente incoraggiato al momento ma è cambiato dal 1 luglio.

Informazioni sulla newsletter

Ricevi notizie importanti ogni mattina.

ok

READ  Fashion Week: il maschio italiano si oppone