Marzo 1, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

All’età di quarantaquattro anni, la governatrice della Banca Centrale turca fu costretta a tornare a vivere con i suoi genitori

All’età di quarantaquattro anni, la governatrice della Banca Centrale turca fu costretta a tornare a vivere con i suoi genitori

Quest’ultima, ex dirigente di Wall Street, è arrivata a giugno alla guida della Banca centrale turca, sfruttando così il suo status speciale per denunciare la situazione divenuta molto critica per molti cittadini. Ma difende anche il bilancio della banca centrale.

Un sovrano che non ha la lingua in tasca

A seguito di alcune misure, assistiamo a un calo dei prezzi di prodotti come automobili, elettrodomestici e mobili, che sono maggiormente influenzati dalla politica monetaria. Ci aspettiamo che questo fenomeno si diffonda a partire dal primo trimestre del 2024. Vediamo anche che l’aumento dei prezzi degli affitti ha rallentato. Ma ci vuole tempo perché gli affitti rimangano al di sotto del tasso di inflazione. Tutto ciò indica che la politica monetaria sta iniziando a funzionare”.vuoi stare tranquillo nelle colonnelibertà. ““Entro la fine del 2024 assisteremo a un rallentamento dell’aumento dei prezzi nei settori dei servizi come trasporti e ristoranti. Sarà un po’ più lento in settori come gli affitti e l’istruzione”. Ha anche aggiunto. Trucco comunicativo? Possiamo porci questa domanda. Ma sembra che i prezzi siano già fuori controllo.

Hafiz Gay Erkan, il nuovo governatore della Banca centrale turca

Il sovrano non è il tipo che tiene la lingua in tasca. Già in passato aveva denunciato la sua incapacità di trovare un’opportunità di formazione in Turchia a causa, come lei stessa ha affermato, di un diffuso nepotismo.

Figlia unica di madre matematica e padre ingegnere, è entrata in Goldman Sachs a metà degli anni 2000 dopo aver completato la sua tesi. Rimase lì per nove anni, prima di unirsi alla First Republic Bank per alcuni anni.

READ  Christophe non può più vendere i suoi certificati verdi perché non ha chiesto in tempo una revisione del fattore K: 'perdita morta di 2.000 euro all'anno'

Rientrato in Turchia dopo quasi vent’anni trascorsi negli Stati Uniti, il turco deve quindi gestire la politica monetaria e l’inflazione del Paese, e questo è in un rapporto complesso con il presidente Erdogan, il quale dal canto suo ritiene che gli alti tassi di interesse favoriscano l’inflazione. . Ciò contraddice la maggior parte delle teorie economiche, poiché i tassi bassi generalmente stimolano l’indebitamento, svalutano una valuta e stimolano la domanda, ma generalmente a loro volta causano una qualche forma di inflazione.

Ma secondo il presidente turco, questi tassi elevati per rallentare l’inflazione sono “pressioni” dall’estero e “usura” che contraddicono gli insegnamenti dell’Islam. Ma ricordiamoci che l’inflazione ha raggiunto il 40% lo scorso maggio, prima che il governatore assumesse la presidenza della Banca Centrale turca.