Febbraio 29, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

All'età di 63 anni, l'affermazione di Jean-Luc Reichmann era chiara: “Io non…

All'età di 63 anni, l'affermazione di Jean-Luc Reichmann era chiara: “Io non…

Scritto da Elsa Gerard Basset | Giornalista web

Jean-Luc Richman è sempre al massimo del suo gioco e del suo pubblico su TF1, e continua a essere il capo dell'intrattenimento ogni mezzogiorno. Ma se è noto per il suo lato conciliante piuttosto che polemico, il nativo di Fontainebleau ha recentemente lanciato un messaggio mirato ad alcuni rivali. Ha sicuramente le orecchie che ronzano!

Nel 21° secolo, c'è stato solo un uomo che ha occupato costantemente il posto di mezzogiorno su TF1. il suo nome ? Jean-Luc Richman. Prima con “Attention à la Marche”, poi con “Les 12 cops de midi”, il sessantenne è sempre riuscito a fidelizzare il suo pubblico attraverso le generazioni. La cosa più impressionante è la sua longevità, perché nonostante il passare degli anni, piace ancora moltissimo al pubblico.

Jean-Luc Reichmann attacca coloro che gli rubano i candidati

Al di là di se stesso, Reichmann sa bene che la ricetta dei “dodici colpi di stato” dipende anche dai candidati, e in particolare dalle famose “signore di mezza età”. Ma il punto è questo: il produttore ospite ha notato che molti dei candidati da lui scoperti venivano riutilizzati da altri canali televisivi o radiofonici. La ama solo con moderazione.

Intervenendo al microfono di Europe 1 nel programma Culture Media appena una settimana fa, tuonò:

Abbiamo ancora la lezione principale per tutti i candidati. Quindi, che ci piaccia o no, tutti li rapiscono e ce li rubano!

Poi, quasi per illustrare il punto, la persona che aveva anche grandi doti di imitazione aggiunse:

Eravamo un po' orgogliosi […] Si tratta di scoprire il talento. Quindi effettueremo selezioni in tutta la Francia, ma siamo talent scout e poi tengono sessioni di ascolto per i nostri candidati e non solo. Non menzionerò il nome di nessuno, ma puoi vedere di chi sto parlando.

Se Reichmann deliberatamente non ha menzionato alcun nome, non è molto difficile trarre delle conclusioni. Ad esempio, Paul El-Kharrat, il candidato simbolico che ha partecipato a 153 candidature, da allora è diventato un partecipante assiduo al programma “Grosses têtes” su RTL, sotto la direzione di Laurent Rouquier. È anche solo un caso tra gli altri.

READ  Il patologo forense dell'NCIS David McCallum muore a 90 anni: "Ha trasformato quei sentimenti in conoscenza"

Per quanto intelligente fosse, Reichman ci teneva a dichiarare che era “molto felice” di essere un talent scout e che non era troppo infastidito da coloro che glieli avrebbero rubati. Ma il contenuto delle sue parole riflette in realtà il disagio per questa situazione, che sicuramente gli fa piacere.

Sebbene Jean-Luc Reichmann non sia un grande fan delle conversazioni ad alta voce, ha chiarito che vuole che i canali o le stazioni concorrenti smettano di rubargli i candidati. Il messaggio è stato ricevuto, anche se possiamo rispondere al conduttore di “12 Medium Coup” che altri programmi stanno subendo la stessa sorte…