Ottobre 1, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Maria Adela Kohfeldt Rivera, la spia sociale russa che si è infiltrata nel personale della NATO

Nessuno avrebbe potuto immaginare che questo lussuoso gioielliere napoletano, che si era fregato con i dirigenti della NATO, fosse in realtà una spia russa. Un’indagine del gruppo investigativo Bellingcat, in collaborazione con i giornali donnaa Repubblica e altri insiderSono riuscito a scoprire un agente che ha lavorato per dieci anni in Italia per l’intelligence militare russa, il GRU (Direzione generale dell’intelligence).

Si faceva chiamare Maria Adela Kohfeldt Rivera e diceva di essere nata il 1 settembre 1978 a Callao, in Perù, da padre tedesco e madre peruviana. Nel 2013 si è trasferita a Napoli e ha aperto una gioielleria di lusso chiamata “Serein”, poi è cresciuta rapidamente nella società napoletana, mettendosi anche alle spalle degli ambienti NATO.

socialite ambigua

Nel 1980, sua madre la portò in Unione Sovietica per partecipare alle Olimpiadi di Mosca, ma abbandonò sua figlia nel paese dopo una telefonata urgente. Non tornerà mai più, e poi la giovane Maria Adela è stata consegnata a una famiglia moscovita la cui madre è diventata amica di lei lì. La piccola è poi cresciuta in questa famiglia con la quale ha avuto un rapporto difficile, poiché suo padre avrebbe abusato di lei quando era piccola. Ecco perché è venuta a stabilirsi nell’Europa occidentale, ha detto ai suoi conoscenti.

Come sei arrivato in Italia? Il suo passato non è chiaro. Secondo i suoi social network, è stata inizialmente a Malta e poi a Roma tra il 2009 e il 2011. Studiava gemmologia (gemologia), secondo i suoi amici. I documenti di viaggio che portano il suo nome indicano che si è recata a Parigi nell’ottobre 2011. Vi avrebbe vissuto per un po’, laureandosi in economia aziendale. Lì ha creato il suo marchio di gioielli, chiamato “Serein”, prima di recarsi a Napoli.

READ  La guerra in Ucraina: l'omicidio di un giornalista francese

Inoltre, secondo chi la circonda, la donna ha sposato un italiano nel luglio 2012. La cerimonia si è tenuta a Roma. Suo marito, infatti, era russo e possiede un passaporto italiano. L’uomo è morto un anno dopo il loro matrimonio durante un viaggio a Mosca. Aveva solo 30 anni e secondo il suo certificato di morte morì di “doppia polmonite e lupus” (una malattia autoimmune, ndr). Vedova, Maria Adela è ancora in Italia e nel 2015 acquista casa in una zona residenziale di lusso di Napoli.

Lì iniziò una vita sociale attiva, salì la scala. Ha aperto una gioielleria di lusso, che trasformerà in un locale trendy frequentato dal personale di bordo locale. In effetti, la sua gioielleria vendeva ninnoli a buon mercato che aveva accumulato in Cina, ha rivelato l’indagine Bellingcat.

Ospita la sede del consiglio di amministrazione della filiale locale di un’organizzazione caritativa internazionale, il Lions Club, che comprende anche membri del JFC Napoli, un comando militare della NATO. Fa amicizia con molti di loro e si dice che abbia avuto una relazione con un ufficiale. Maria Adela ha avuto una “vita amorosa tumultuosa”, secondo chi le è vicino

Secondo il colonnello statunitense Shelia Bryant (che era anche sua amica), come riportato nelle indagini, la donna era stata in contatto anche con personale e ufficiali della Nato belgi, italiani e tedeschi. Sebbene la donna sia stata in contatto con diversi alti funzionari della NATO e della Marina degli Stati Uniti, non è noto, secondo Bellingcat, che abbia effettivamente visitato la base NATO. Quel che è certo è che ha partecipato a molti eventi dell’organizzazione e della US Navy, come balli e serate di beneficenza.

READ  Le sue gambe sono state amputate dopo l'esplosione di una mina cinque settimane fa e Oksana si sposa in Ucraina

La donna scompare improvvisamente dalla vita mondana a Napoli nel 2018. Parte per Mosca solo con il suo gatto, senza avvisare nessuno e non torna mai più. Due mesi dopo, un oscuro post su Facebook in italiano sembra indicare che è stata curata per un cancro.

copertura penetrante

Tutto questo è solo una copertura. Secondo un sondaggio di Bellingcat, Maria Adela si chiamava Olga Kolobova ed era nata nel 1982. Prima del 2018, la donna non aveva un indirizzo, un numero di telefono o un’impronta digitale in Russia.

Il presidente e investigatore principale di Bellingcat Christo Grosev ha affermato di aver trovato per la prima volta tracce di una possibile spia del GRU riferendosi al database dei valichi di frontiera registrato dalle guardie di frontiera bielorusse e fornito da un gruppo di hacker contrari al regime di Alexander Lukashenko. Osservando da vicino la Rivera, Grosev ha scoperto che stava viaggiando con diversi passaporti russi, i cui numeri di serie erano su una targa usata da altri noti agenti del GRU. In particolare, un ufficiale è stato condannato per il presunto avvelenamento da novichok del trafficante d’armi bulgaro Emilian Gebrev e un altro ufficiale del GRU presumibilmente coinvolto nell’attacco a Sergei Skripal e sua figlia a Salisbury nel 2018.

Il giorno prima della sua partenza da Napoli, Bellingcat e The Insider hanno pubblicato un articolo sugli agenti responsabili dell’avvelenamento di Sergei Skripal e di sua figlia. Sembra quindi che il GRU volesse che Maria Adela fosse rimossa dal suo territorio, temendo che altri agenti con numeri di passaporto simili sarebbero stati in pericolo.

READ  Cop 26: Cinque notizie false sul clima frequenti

Dopo il 2018 è diventata molto attiva in Russia. Nel 2019 ha iniziato ad apparire sui social media russi e ora promuove la guerra in Ucraina. Sarà anche la proprietaria di due appartamenti nelle prestigiose zone di Mosca.

L’indagine mette in luce la personalità unica di questa spia che era in possesso di un passaporto russo. Di solito le spie nascondono i loro legami con la Russia. Nonostante ciò, il KGB ha comunque resuscitato l’identità di Kohfeldt Rivera con un passaporto russo perché è possibile che avessero già stabilito contatti preziosi con questa identità e non volessero perderla.