Novembre 27, 2021

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Accordo verde europeo: avvertimento dai datori di lavoro francesi, tedeschi e italiani

Rilasciato l’11 novembre 2021, alle 17:57

Boss francesi, tedeschi e italiani, combattono allo stesso modo! Mentre i diversi interessi dei suoi numerosi membri promuovono un’Europa imprenditoriale, il “tripartito” creato a Roma alla fine del 2019 continua il suo viaggio. Questa settimana, Medef Number One, Geoffroy Roux de Bézieux, ha ospitato per due giorni i suoi colleghi di BDI, Siegfried Russwurm e Confindustria, Carlo Bonomi.

Questa iniziativa è nata durante il rinnovo della Commissione Europea. Il verificarsi della crisi del governo lo ha rafforzato. In particolare, è Significativo cambiamento nelle condizioni dei datori di lavoro tedeschi . Tutte e tre le organizzazioni hanno pubblicato un articolo sui giornali europei nel maggio 2020, Compreso “Les Echoes” per la Francia , chiede una rapida accettazione delle forti misure di stimolo dell’Europa.

Qualche mese fa questa scommessa è stata seguita da alcune scommesse Un comunicato stampa congiunto Durante il Secondo Forum Tripartito, nel novembre 2020. Il sindacato, che rivendica “il 50% del PIL europeo”, ha preso mercoledì una nuova posizione dai datori di lavoro in tre paesi chiave.

|

Questo testo di più di quattro pagine ha lo scopo di rafforzare ulteriormente il triangolo. All’indomani della crisi e delle sfide sanitarie, si concentra spesso sulle condizioni per l’attuazione dell’Accordo verde per l’Europa. “Abbiamo parlato molto di cambiamento energetico, ci siamo concentrati sul green deal e abbiamo lavorato su come metterlo”, ha spiegato Jeffrey Rooks de Besiux alla conferenza stampa che ha preceduto la dichiarazione.

Paura dell’impianto a gas

“Chi pagherà per il cambiamento?”, si sono chiesti i tre imprenditori. «Abbiamo l’impressione che i governi europei non abbiano la forza di pagare i privati», ha spiegato Carlo Bonomi, preoccupato, come i suoi colleghi, per l’aumento della tassazione, che priverebbe l’industria europea di «risorse per la crescita».

READ  Immagine - massiccia, protesta, contro, salute italiana, pass? No, una parata techno a Zurigo

L’annuncio avverte del calendario della Commissione per l’attuazione del pacchetto Fit for 55, che deve essere “coerente con soluzioni tecniche ed economiche sostenibili” e integrare nella classificazione “qualsiasi investimento in energia senza emissioni di carbonio”.

Dobbiamo proteggerci dai detriti ecologici.

Presidente di Geoffroy Roux de Bézieux Medef

A parte i timori per l’industria europea del gas legata alla tassa sul carbonio, il trio è preoccupato per i pericoli posti non solo dalla traccia del carbonio che promuove le importazioni che potrebbero danneggiare la produzione europea, ma anche le sole emissioni di carbonio. “Dobbiamo proteggerci dall’inquinamento ambientale”, riassume Jeffrey Rooks de Besiux.

Con l’aumentare delle tensioni sulle distribuzioni, la terza edizione del forum è stata finalmente caratterizzata dall’espressione di una preoccupazione comune per la sovranità europea, con una crescita significativa dei datori di lavoro oltre il Reno in questo senso. “La politica industriale non è una brutta parola”, ha sottolineato il presidente di Medef. Fino a quando non viene nutrito e preso di mira dal settore privato.

sovranità europea

Siegfried Russwurm ha citato specificamente il problema dei semiconduttori. I tre boss hanno anche discusso della questione cloud e dello spazio. “Non dobbiamo ricreare lo stesso errore in Gafam”, hanno avvertito.

In termini di energia, questo non è un momento controverso. “C’è un consenso sul fatto che l’energia nucleare dovrebbe essere il potere di scelta della Francia”, ha spiegato Geoffrey Rooks de Besiux. Ma considerando le differenze nella composizione energetica tra i paesi dell’Unione, “non può esserci un mercato uniforme per i prezzi dell’elettricità”, hanno avvertito tre leader delle organizzazioni dei datori di lavoro.

READ  Il CD Lamb dei Cowboys colpisce il DD vincente, saluta il difensore dei Patriots