Febbraio 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Abuso sessuale e ricatto emotivo: cosa chiede l'accusa nel caso Henel v. Christophe Ruggia

Abuso sessuale e ricatto emotivo: cosa chiede l'accusa nel caso Henel v. Christophe Ruggia

Davanti agli inquirenti, come avvenuto durante gli scontri con Adele Haenel, il signor Ruggia, oggi 59enne, ha smentito. I suoi avvocati hanno rifiutato di commentare.

Ma per quanto riguarda la parola, non ci sono dubbi. Ha scritto nelle sue richieste: “È il risultato delle dichiarazioni dettagliate, coerenti, precise e datate di Adele Haenel (…) e degli elementi raccolti al termine delle indagini che Christophe Ruggia le ha imposto una violenza sessuale, nonostante le sue smentite. ” Martedì, cosa nota all'Agence France-Presse.

La decisione finale se procedere o meno al processo spetta al giudice istruttore.

“bambino”

Agli occhi della Procura ci sono diversi elementi che supportano la storia della signora Haenel, oggi 34enne, e divenuta una figura del movimento MeToo: le lettere, le parole di cinque “confidenti” della madre, come nonché due testimoni visibili dell'“atteggiamento inappropriato” del signor Ruggia.

È stata ascoltata anche la sorella di Christophe Ruggia.

Se non era “sotto shock” al momento delle riprese di “Diables” (2002) – il primo film di Adele Haenel con Christophe Ruggia – dice che nel 2020 ricorda una conversazione con suo fratello “cinque o sei anni fa.

Anni dopo: “Non so se mi ha detto che si era innamorato di lei, ma comunque, qualcosa del genere.” Poi risponde: “(Lei era) una ragazzina di 12 anni. Anche se ti innamori, ti fermi”.

“Lo so benissimo”, rispose piangendo.

Tra settembre 2001 e febbraio 2004, Adele Haenel si recava a casa di Christophe Ruggia ogni sabato pomeriggio. Lì è stata “sistematicamente” sottoposta a “toccamenti sessuali sul pene e sul petto”, come accusa la Pubblica Accusa.

READ  Una vittoria attesa e un record pari alla finale di “Ballando con le Stelle” | Televisione

Adele Haenel ha detto durante l'incontro: “Ha cominciato ad accarezzarmi la coscia, muovendosi verso il mio pene, così, nulla sembrava essere più come prima. Poi ha toccato anche il mio pene, mi ha baciato sul collo (…) e ha toccato il mio Petto.” indagine.

Dice anche: “Mi ha detto che questo amore gli ha fatto molto male (…) e che gli dovevo questa relazione”.

Il pubblico ministero aggiunge che Christophe Ruggia si è lasciato andare ad “episodi di ricatto emotivo durante i festival di Marrakesh e Yokohama”.

Per descrivere il mancato consenso l'accusa fa riferimento alla giovane età di Adele Haenel, alla sua “totale mancanza di conoscenza della sessualità”, al suo “stupore” e al suo “atteggiamento fisicamente sprezzante” all'epoca dei fatti.

“Primo tifoso”

Resta ferma anche l'aggravante dell'“autorità” dell'imputato, concessa dalla sua “status professionale” nei confronti di un nuovo bambino nel cinema, sottoposto ad “una progressiva restrizione psicologica legata alla gravità delle difficili condizioni delle riprese”. .”

Così, il regista è accusato di aver isolato Adele Haenel dalla troupe cinematografica, poi dalla sua famiglia, e di averle menzionato un “debito” verso “la persona che ha iniziato la sua carriera”.

L'accusa sottolinea che “i fatti non verranno fermati se non su iniziativa di Adele Haenel”. Nel 2004 gli scrisse che non voleva più vederlo. Seguirono due lettere del Direttore, nel 2006 e nel 2007.

Il caso, rivelato da Mediapart nel novembre 2019, ha catalizzato il movimento #MeToo nel cinema francese e ha gettato nuova luce sul personaggio dei nani.

Lo stesso Christophe Ruggia, in una lunga risposta a Mediapart, ha ammesso il “controllo del regista sull'attrice” e ha chiesto ad Adele Haenel di “perdonarlo”.

READ  Insegnante di spagnolo accoltellata in Francia: il marito torna al dramma "Agnes ha allegato al testamento una lettera d'amore"

Ma ha negato qualsiasi violenza o molestia sessuale. Secondo lui le visite del sabato erano un momento per discutere su “La vita e i sogni” di Adele Haenel e su quali film guardare.

Il “fan numero uno” di Adele Haenel ha detto che “ha commesso l'errore di interpretare un troll”.

Sottolinea: «Non vedevo che le sue lusinghe e le speranze che riponevo in lei potessero sembrarle, data la sua giovane età, dolorose in certi momenti».

Dopo il caso, Adele Haenel ha più volte condannato la “compiacimento generale nei confronti degli autori di abusi sessuali” da parte della professione, anche durante una fragorosa uscita contro il regista Roman Polanski durante la cerimonia dei Césars del 2020.

Oggi è un'attrice di teatro e in maggio ha annunciato la sua separazione dal cinema in una lettera a Télérama.