Febbraio 27, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

A quasi 75 anni Alain Chamfort chiude la carriera: “Non mi viene dettato perché sono malato”

A quasi 75 anni Alain Chamfort chiude la carriera: “Non mi viene dettato perché sono malato”

Ricorda: nel 1979, la carriera del cantante e compositore francese Alain Chamfort fu lanciata attraverso la performance compagnia aereaDi Serge Gainsbourg. Questa è stata seguita da una carriera impressionante per l'artista con oltre tre milioni di dischi venduti. Ospite del programma venerdì 12 gennaio Lasciati tentare Da RTL Francia, Alain Chamfort ha fatto sapere che concluderà la sua carriera davanti al microfono di Stephen Belleri.

Secondo me l'album forse era un po' in ritardo. Secondo me la gente non ascolta più necessariamente 12 canzoni di seguito, non necessariamente ne ha il tempo. “Indipendentemente da ciò, ho avuto l'impressione che in questo album successivo fossi arrivato ad un punto di vista sui temi che avevamo sviluppato”, ha dichiarato il cantante (74), che ha pubblicato un mini-disc di quattro canzoni prima di anticipare un album completo. Il 22 marzo 2024 esce “Impermanence”, il suo sedicesimo e ultimo disco. “Questo album è una sorta di conclusione, una forma di valutazione di cose diverse. Ovviamente la vita. Ho raggiunto un'età in cui il mio punto di vista è definito.

“Penso che sia meglio non produrre troppi album.”

Se ride dell'aspetto “crepuscolare” di questo annuncio, Alain Chamfort conferma che non è stato troppo difficile da accettare. «Non è forzato perché sono malato (NdR: nel 2019 l'artista rivelò che gli era stato diagnosticato un cancro alle ossa). In un percorso artistico, penso che sia positivo avere un segnale di fine ad un certo momento. “È un’intuizione e un desiderio naturale che voglio rispettare”.

Ha aggiunto: “Penso che sia meglio non produrre troppi album. Un album richiede anche molto lavoro. Perché abbiamo così tanti problemi in un certo momento?”

READ  Questi due ristoranti di Bruxelles hanno appena vinto la loro prima stella Michelin

“Sono felice di aver potuto mettere insieme questo repertorio, essere d'accordo con esso e non sentirmi frustrato o infelice”, ha spiegato Alain Chamfort. “Non ho mai mentito a me stesso o provato a cantare qualcosa che non mi andava bene. Non sono particolarmente orgoglioso, ma sono soddisfatto della sua carriera.

Riascoltiamo qui sotto il titolo che lo ha fatto conoscere