Attualità Campania EVIDENZA Salerno

A Campagna la cerimonia commemorativa del “Giorno del Ricordo”

In occasione del “Giorno del Ricordo” la cerimonia presso la sede del “Museo della Memoria e della Pace – Centro Studi Giovanni Palatucci”

Le celebrazioni, istituite al fine di conservare e rinnovare la memoria della tragedia delle Foibe e dell’esodo giuliano-dalmata, a Campagna sono state organizzate dalla Prefettura di Salerno in collaborazione con l’Ufficio Scolastico Regionale – Ambito Territoriale della Provincia di Salerno, il comune di Campagna e la Società Dante Alighieri di Salerno.

La scelta di celebrare il “Giorno del Ricordo” all’interno del Museo dedicato a Giovanni Palatucci è stata dettata dal fatto che oggi, ricorre anche il 75° anniversario della morte dell’ultimo Questore di Fiume, Giovanni Palatucci, durante l’occupazione nazista, che si adoperò per salvare la vita a numerosi Ebrei e a tanti perseguitati negli anni della Seconda Guerra Mondiale.

Il Prefetto di Salerno, Francesco Russo, ha dunque voluto conferire particolare risalto alla duplice ricorrenza, celebrando nel territorio di Campagna – che fu sede di ben due campi di internamento per Ebrei – sia il “Giorno della Memoria” sia il “Giorno del Ricordo”, in un percorso ideale che dalla commemorazione della Shoah conduce a quella della Foibe, altra pagina buia e dolorosa della storia del nostro Paese.

L’iniziativa, alla quale hanno partecipato l’Arcivescovo Metropolita della Diocesi di Salerno – Campagna – Acerno, le autorità civili e militari nonché numerose rappresentanze di studenti degli Istituti Scolastici della provincia, ha avuto come protagonisti gli alunni del Liceo Classico, Artistico e Musicale “Perito – Levi” di Eboli, che hanno animato l’evento con performance musicali e teatrali sul tema.

In particolare, gli studenti del Liceo Classico e Artistico hanno dato vita a letture e rappresentazioni di brani tratti da romanzi ispirati all’argomento, come “Bora. Istria, il vento dell’esilio” dal romanzo di Anna Maria Mori e Nelida Milani, “L’esodo” dal romanzo di Arrigo Petacco e “1947”, brano musicale di Sergio Endrigo.

L’Orchestra e il Coro del Liceo Musicale “Perito Levi” hanno accompagnato la cerimonia con l’esecuzione dell’Inno d’Italia, dell’Inno Europeo e di alcuni brani della tradizione classica (Bach, Mozart, Cohen).

La giornata si è conclusa con la lettura del testo e la proiezione del video di “Magazzino 18”, brano musicale e spettacolo teatrale del cantautore romano Simone Cristicchi, ispirato al Porto Vecchio di Trieste.

Per continuare ad usare questo sito, devi accettare la politica di uso dei Cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi