Dicembre 10, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

25 anni di criminalità e impunità in Congo: Denis Mukwege denuncia ‘l’umanitarismo dell’ingegneria che cambia’ per la comunità internazionale

Possiamo condividere la ricchezza senza trasformare i corpi delle donne in un campo di battaglia.

Il dottor Mukwege, che oggi chiede che parte della società civile congolese si candidi alle elezioni presidenziali del 2023, rimane comunque ottimista. Ci assicura che la sofferenza del Congo non è inevitabile, ma che il Paese non potrà riprendersi senza un aiuto esterno, senza una ferma condanna dell’aggressione dei Paesi vicini, né l’inseguimento dei criminali di guerra che depredano il Paese. Dagli fuoco e sangue per 25 anni.

Io, credo nell’uomo, credo nella bontà dell’uomoscivola in conclusione. Ma quando vedo cosa sta succedendo in Congo, provo un grande dolore. Tuttavia, sono convinto che ci siano soluzioni. Possiamo condividere la ricchezza. Possiamo fare profitti senza spargimenti di sangue, senza far soffrire i bambini, senza trasformare i corpi delle donne in campi di battaglia. A volte è incomprensibile che si scelga di imporre sofferenza agli altri quando si può anche scegliere di fare del bene. Perché non scegliamo di fare del bene? Questa è una grande domanda per me.

Una domanda che il dottor Mukwege pone a coloro che vogliono rispondere a Kinshasa, Kigali, Kampala, Bruxelles, Parigi, Londra, Washington e New York, dove ci sono soluzioni che possono porre fine alla sofferenza del popolo congolese.

READ  'Putin ha distrutto tutto': l'ex sindaco filorusso di Odessa sbatte Mosca