Marzo 3, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Washington vuole fornire a Kiev munizioni a grappolo e l’Europa rimane indifferente: “La posizione tedesca è ancora giustificata, ma…”

Washington vuole fornire a Kiev munizioni a grappolo e l’Europa rimane indifferente: “La posizione tedesca è ancora giustificata, ma…”

Nel silenzio quasi totale in Europa, la Russia, le Nazioni Unite e le organizzazioni per i diritti umani hanno criticato la decisione degli Stati Uniti, annunciata venerdì, di fornire all’Ucraina munizioni a grappolo, vietate da un trattato internazionale ampiamente riconosciuto. Queste armi, che fanno parte di un nuovo pacchetto di aiuti militari statunitensi da 800 milioni di dollari, “Sarà consegnato in tempo per il contrattacco”. Ucraino, secondo un funzionario del Pentagono. Due settimane fa, all’interno del Ministero della Difesa, si sono sentite voci a favore di queste armi, sul vantaggio che potrebbero avere nella controffensiva delle forze ucraine che dovrebbero respingere l’esercito russo.

Per Mosca, la decisione di Washington di consegnare bombe a grappolo all’Ucraina riflette un “riconoscimento della debolezza” che renderà gli Stati Uniti “complici” nell’uccisione di civili con questa controversa arma. “Il trasferimento di munizioni a grappolo è un gesto di disperazione e riconoscimento della debolezza nel contesto del fallimento della cosiddetta controffensiva ucraina”, ha affermato in una nota il ministero della Difesa russo.

Mosca e Kiev lo usano

A maggio, Human Rights Watch ha accusato la Russia e l’Ucraina, che non è firmataria della Convenzione sulle munizioni a grappolo come gli Stati Uniti, di utilizzare questo tipo di arma, causando morti civili dall’inizio dell’invasione dell’Ucraina nel febbraio 2022.

L’ex presidente russo Dmitry Medvedev, lungi dall’essere noto per le sue subdole dichiarazioni, ha accusato gli Stati Uniti di voler provocare “Armageddon nucleare”. E l’attuale vice capo del Consiglio di sicurezza nazionale russo ha ritenuto che la doppia promessa di fornire queste armi e l’adesione dell’Ucraina alla NATO dimostrino che l’inquilino della Casa Bianca ha esaurito tutte le altre risorse. Ha detto che queste azioni rischiavano di scatenare una terza guerra mondiale.

READ  Guerre en Ucraina: la Russie sospende l'importation de gaz à la Bulgari et à la Pologne, esplosioni in Moldavie

Dibattito morale

È stato ratificato da 111 paesi Convenzione sulle munizioni a grappolo, concluso nel 2008 ed entrato in vigore nel 2010, vieta la produzione, lo stoccaggio, l’uso e il trasferimento di tali armi. Queste armi sono state particolarmente deplorate per l’uso diffuso di bombe in miniatura che contengono e per il pericolo che rappresentano per i civili, anche molto tempo dopo la fine del conflitto in cui sono utilizzate.

Da parte sua, il presidente tedesco Frank-Walter Steinmeier ha trovato una formula molto personale per sintetizzare il dibattito contrario alla moralità e al pragmatismo sulla volontà di Washington di consegnare queste controverse armi a Kiev. “La posizione tedesca contro le munizioni a grappolo è ancora giustificata. Ma nella situazione attuale non possiamo ostacolare gli Stati Uniti”.Ha detto in un’intervista alla televisione tedesca ZDF. “Se l’Ucraina non ha più i mezzi per difendersi, o se coloro che contribuiscono a difenderla non lo fanno più, sarà la fine dell’Ucraina”.giustificazione, M. Steinmeier, ha essenzialmente poteri rappresentativi e cerimoniali.

Il mese prossimo ci sarà un’altra sorpresa: un’unità russa anti-Putin annuncia una nuova offensiva

Guarda anche su LaLibre.be