Maggio 19, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Vivere vicino al Mare del Nord fa bene alla salute: lo dimostra il primo studio scientifico belga

Vivere vicino al Mare del Nord – o ovunque vicino all’oceano – fa bene alla salute. Anche se sappiamo che l’aria di mare fa bene al morale e dà una buona boccata d’aria fresca, uno studio scientifico condotto dalle Università di Gand e Anversa ha voluto andare oltre.

Non voglio dare l’impressione che il mare sia una medicina: le persone malate di cancro non guariscono all’improvviso. Ma le persone che sono esposte quotidianamente all’aria di mare, statisticamente, hanno un rischio leggermente inferiore di sviluppare tali malattie“, spiega il professor Martin de Rijke dell’Istituto marittimo fiammingo (VLIZ) ai nostri colleghi di HLN.

PFAS sono stati rilevati nella schiuma del Mare del Nord lungo la costa olandese

Dieci ricercatori hanno indagato questa domanda attraverso uno studio…Impatti sulla salute delle nostre coste belghe utilizzando campioni di aria marina a Ostenda. La ricerca è stata condotta tra febbraio e luglio dello scorso anno, ma solo ora i risultati sono stati inseriti in pubblicazioni scientifiche“, si riferisce a HLN.

– Riduzione del tasso di cancro ai polmoni, asma o diabete

Hanno catturato gocce d’acqua di mare che galleggiavano nell’aria sulla costa. “Li mettiamo su colture cellulari di cellule renali per vedere come reagiscono. Abbiamo scelto le cellule renali perché rappresentano il nostro sistema immunitario. È la prima volta che a livello internazionale la ricerca viene condotta in questo modo“, dicono gli scienziati.

Questa malattia, che può causare danni permanenti, si sta diffondendo in Belgio, soprattutto a causa del riscaldamento globale.

E i risultati sono chiari. “Coloro che vivono sulla costa belga vivono una vita più sana. L’aria di mare allena meglio il nostro sistema immunitario e lo pone a un livello più elevato di preparazione contro batteri e virus dannosiHa continuato Martin De Ricci. I residenti costieri in particolare hanno statisticamente meno probabilità di sviluppare il cancro ai polmoni rispetto alle persone che vivono nell’entroterra perché l’ambiente costiero ha livelli più bassi di inquinamento atmosferico. Ma riguarda anche l’asma, il diabete e le allergie. Al contrario, il rischio di cancro della pelle è maggiore sulla costa perché le persone trascorrono più tempo all’aperto e l’indice UV può essere più alto.

READ  Integrated Health offre il proprio programma di cure primarie