Luglio 20, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Recupero dell’RNA di una specie estinta: cosa significa questa rivoluzione scientifica?

Recupero dell’RNA di una specie estinta: cosa significa questa rivoluzione scientifica?

Sentiamo regolarmente parlare del ritorno di specie animali estinte. L’idea di far rivivere animali come mammut, megalodonti a sangue caldo e tigri dai denti a sciabola è sempre stata un sogno degli scienziati. Siamo ancora lontani dall’avere una sorta di “Jurassic Park” fatto di specie scomparse migliaia di anni fa. Tuttavia, la ricerca sta facendo progressi sorprendenti.

Gli scienziati sono già riusciti a estrarre l’RNA da una specie estinta, il tilacino. Chiamata anche tigre della Tasmania, è cugina del canguro che caccia come i gatti. Con il suo muso da lupo e le strisce da tigre, questo animale incuriosisce da tempo i ricercatori. Non sappiamo esattamente quando si estinse, ma l’ultima tigre della Tasmania morì in cattività il 7 settembre 1936 in uno zoo della Tasmania, nell’Australia meridionale.

I ricercatori hanno estratto per la prima volta l’RNA da una tigre della Tasmania

Uno studio pubblicato sulla rivista scientifica Ricerca sul genoma Lo conferma l’estrazione dell’RNA da una tigre della Tasmania. Si tratta di un esemplare di 130 anni conservato nel Museo di Storia Naturale di Stoccolma. I ricercatori spiegano come sono riusciti a sequenziare e analizzare l’RNA dell’animale. Delinea anche perché questa impresa è così importante.

Questa è la prima volta che gli scienziati recuperano l’RNA da una specie estinta. Dovresti sapere che l’RNA è complementare al DNA (acido desossiribonucleico). Mentre il DNA immagazzina informazioni genetiche a lungo termine, l’RNA viene utilizzato per trasferire il codice genetico dal nucleo ai ribosomi per creare proteine. Come il DNA, l’RNA è una struttura molecolare costituita da nucleotidi. È a filamento singolo perché contiene un solo thread.

Campione di tilacino – Fonte immagine: Love Dalén

Questa è la prima volta che possiamo osservare la vera biologia e il metabolismo delle cellule di una tigre della Tasmania poco prima che morisse “, spiega Emilio Marmol Sanchez, autore principale dello studio e paleontologo dell’Università di Stoccolma. In questo studio, i ricercatori hanno recuperato l’RNA dalla pelle, dai muscoli e dal tessuto scheletrico di un campione di tilacino.

READ  Tempo e distanza dalla Terra e osservazioni questo martedì 14 giugno

Leggi anche >> E se il prossimo supercontinente suonasse come una campana a morto per i mammiferi?

Lo studio della tigre della Tasmania non mira a resuscitarla, ma contribuisce a ciò

I ricercatori tengono a precisare che lo scopo di questo studio non era quello di dimostrare la possibilità del ritorno delle specie estinte. ” La rinascita della tigre della Tasmania, o in altre parole la sua estinzione, non era e non sarà l’obiettivo della nostra ricerca “, dice Emilio Marmol Sanchez. Quindi non aspettarti di vedere presto un tilacino tigre in carne e ossa.

Tuttavia, è chiaro che i ricercatori riconoscono l’importanza di poter estrarre l’RNA da specie estinte. ” Qualsiasi sviluppo scientifico necessario per far rivivere o ricreare specie estinte apporterebbe sicuramente benefici alla scienza e alla società in generale “, afferma l’autore principale dello studio. Quindi questo sarà senza dubbio utile per le future ricerche sull’estinzione delle specie estinte.

A lungo termine, l’obiettivo è anche quello di poter estrarre l’RNA da virus a RNA a filamento singolo, chiamati anche ribovirus. La SARS-CoV-2, causa della pandemia di Covid-19, è una di queste malattie.