Dicembre 1, 2021

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Vincitore dell’epopea italiana Sony Golfrelli Parigi-Roubaix

Pubblicato: Cambiato:

Il campione europeo, l’italiano Sonny Golfrelli, ha vinto la sua prima apparizione domenica nella leggendaria Parigi-Roupox, in circostanze estreme. Ha sconfitto Florian Vermeerch del Belgio e Matthew van der Boyle dei Paesi Bassi.

Pioggia, fango, rocce scivolose e continue cadute… “Regina classica” Quest’anno è stato fedele alla reputazione del Nord del Nord “e il campione europeo, Sonny Golfrelli d’Italia, ha vinto domenica 3 ottobre, per la sua prima apparizione.

Colbrelli (Bahrain) ha battuto in volata al Velotrom di Rubik i suoi ultimi due compagni, il belga Florian Vermeersh e l’olandese Mathieu van der Boyle, poi è crollato urlando di gioia.

Inevitabilmente dalla primavera, l’italiano ha rimosso il suo primo “monumento” all’età di 31 anni. Nonostante abbia trenta successi, non è mai stato su un grande palcoscenico classico.

Dietro al trio, l’italiano Gianni Moscon, che ha visto la vittoria con una foratura a 30 chilometri dalla fine e poi caduta, è arrivato quarto a 44 secondi dal compagno di squadra.

Il belga Wood von Airt, classificato 7°, una delle più grandi opzionie Il suo compagno Yves Lambert in un gruppo (5e) Il francese Christophe Laford (6e)

“La gara dei miei sogni”

Sui sassi bagnati e fangosi, van der Boyle ha avuto un forte impatto in una gara che si è rivelata a discapito del suo miglior rivale belga Wood van Eart e del team numero uno, Tsionink.

I suoi sforzi, generosi e lussuosi, si sono trovati da solo nella squadra di inseguimento dietro Van der Boel Moskan, che ha colpito da solo a 53 chilometri dalla fine. Delle tre nebulose che hanno combattuto per la vittoria non è stato poi in grado di prendere una decisione.

READ  Questo italiano ha il suo libretto sanitario tatuato sul braccio

>> Leggi: Joseph Arerua, il primo ciclista ruandese alla Parigi-Rufax

Colbrelli è stato il secondo pilota a vincere il premio “Classic Queen” per la sua prima apparizione. Con l’eccezione del tedesco Joseph Fischer, che aprì la lista dei premi nel 1896, nel 1955 il francese Jean Forrestier fu l’unico nuovo arrivato a vincere sin dall’inizio.

“È la gara dei miei sogni con il tour delle Fiandre”, ha detto il vincitore. “In finale ho seguito Van der Poyle, ho fatto una grande volata. Mi sono concentrato su Van der Poyle, ma il ragazzo di Lotto-Soudlin (Vermeersh) mi ha sorpreso. Sono riuscito a cambiare a 25 metri dalla fine”.

Lombard Ryder segue le orme del giocatore belga Philippe Gilbert, che ha vinto nel 2019, questa volta staccato della metà. Firmato alle 12e Vittoria italiana, ma prima vittoria nel XXIe Secolo (Andrea Toffee, ultimo conquistatore italiano 1999).

Con AFP