Agosto 7, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Urla su Airbnb: la ‘capanna degli schiavi’ si trasforma in ‘luogo di vacanza di lusso’ | Globalismo

Airbnb ha rimosso dalla sua piattaforma una pubblicità per una “cabina degli schiavi del 1830” nel Mississippi. In risposta alla protesta, il sito web e il proprietario dell’edificio si sono scusati.

Un uomo ha pubblicato un video su TikTok denunciando questo uso della storia della schiavitù. Ha avvertito che “la storia della schiavitù in questo paese è costantemente negata, e ora viene ridicolizzata trasformandola in un lussuoso luogo di vacanza”. L’utente è stato particolarmente sorpreso dalle recensioni dei clienti, come chi ha presentato il casolare come “storico ed elegante”.

Gli utenti di Internet hanno poi notato che altri luoghi si presentavano come “capanne degli schiavi”. La piattaforma ha immediatamente risposto rimuovendo le inserzioni e scusandosi: “Proprietà che un tempo ospitavano gli schiavi non hanno posto su Airbnb. Ci scusiamo per qualsiasi shock o dolore causato dalla presenza di questo e altri annunci simili, ma anche per non aver agito prima per risolverlo problema.”

Il proprietario non era a conoscenza

Il nuovo proprietario della cabina accusata, Panther Burn Cottage, che si trova in una fattoria di Belmont nel Mississippi, afferma di non sapere che fosse una “cabina di schiavi” quando ha acquistato la proprietà, solo poche settimane prima. “Mi scuso per la decisione di offrire ai nostri ospiti un alloggio nelle ‘logge degli schiavi’ dietro la casa prebellica del 1857 che ora è un bed and breakfast. Mi scuso anche per aver insultato gli afroamericani i cui antenati erano schiavi.

Dice che non ha intenzione di affittare di nuovo il posto e “si oppone fermamente alla decisione del precedente proprietario di commercializzare l’edificio come luogo in cui un tempo dormivano gli schiavi dopo aver lavorato nei campi di cotone in schiavitù umana”.

READ  Corona Virus: quanto tempo rimani contagioso dopo essere stato infettato?