Agosto 7, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Guerra in Ucraina: la Finlandia sequestra beni bellici ai confini russi

La dogana finlandese ha affermato di aver sequestrato beni che potrebbero aumentare le “capacità industriali e militari” al confine, così come altri beni soggetti a sanzioni internazionali.

Tempo di lettura: 2 minuti

IlLa dogana finlandese ha annunciato mercoledì di aver sequestrato merci al confine con la Russia che potrebbero aumentare le “capacità industriali e militari” di Mosca e altre merci soggette a sanzioni internazionali.

La confisca arriva quando la Finlandia considera possibili restrizioni sui visti russi, sulla scia dell’invasione russa dell’Ucraina e delle successive sanzioni occidentali.

Le autorità doganali hanno affermato che tra il 22 e il 27 luglio sono stati effettuati oltre 2.500 controlli e sono stati rilevati quasi un centinaio di casi simili. Circa 20 di questi casi sono “in fase di esame preliminare”, ha affermato l’amministrazione doganale in una nota.

I controlli hanno consentito di individuare diversi prodotti di lusso colpiti dalle sanzioni europee nonché beni che potrebbero avere un uso militare “come gli strumenti utilizzati nel traffico marittimo”, ha precisato l’autorità.

Droni e cose ancora tenute segrete

“C’erano anche droni e oggetti su cui non possiamo commentare al momento”, ha detto all’AFP il direttore della dogana Mikko Grunberg. Il numero crescente di turisti russi in Finlandia ha causato scalpore nel paese scandinavo, con molti che affermano che il turismo dovrebbe essere ridotto a causa della guerra in Ucraina.

Ci sono stati più di 185.000 valichi di frontiera a luglio, rispetto ai 125.000 di giugno, numeri ancora al di sotto dei livelli pre-Covid.

Il partito conservatore finlandese di opposizione ha proposto la scorsa settimana di interrompere il rilascio di nuovi visti turistici ai cittadini russi. Il presidente Sauli Niinisto prevede di sollevare la questione con il governo giovedì poiché la proposta sembra avere ampio sostegno in Parlamento.



Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha affermato la scorsa settimana che la Russia “reagirebbe in modo molto negativo” se ci fossero restrizioni sui visti.

READ  Biden se dit "convaincu" que Poutine a décidé d'attaquer l'Ucraina