Febbraio 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Un'eruzione vulcanica colpisce la città costiera: le case cominciano a bruciare

Un'eruzione vulcanica colpisce la città costiera: le case cominciano a bruciare

La lava eruttata domenica vicino al porto peschereccio di Grindavik, nel sud-ovest dell'Islanda, ha dato fuoco a tre case nella zona i cui residenti erano stati evacuati poche ore prima.

Questa è la quinta eruzione vulcanica in Islanda in quasi tre anni, e la precedente si è verificata la sera del 18 dicembre nella stessa zona. Ma la lava non raggiunge le case da 51 anni. L'attività sismica ha subito un'accelerazione drammatica durante la notte, e alcune decine di residenti che si erano stabiliti alla fine di dicembre in questa piccola cittadina, situata a una quarantina di chilometri a sud-ovest di Reykjavik, sono stati evacuati intorno alle 3 del mattino ora locale (le 4 del mattino in Belgio). . . ).

Si sono poi aperte due fessure, una intorno alle 8 a circa 400 metri dalla città e l'altra a mezzogiorno sul bordo delle prime case, secondo l'Ufficio meteorologico islandese (IMO), fuoriuscendo grandi colate di lava di colore arancione brillante.

A metà pomeriggio, la lava bollente ha colpito le prime due case e ha subito preso fuoco, emettendo grandi pennacchi di fumo nero, secondo le immagini delle telecamere di sorveglianza trasmesse dalla televisione pubblica islandese. Una terza casa fu successivamente bruciata.

“In una piccola città come questa, siamo tutti come una famiglia, ci conosciamo tutti come una famiglia, quindi è una tragedia vedere questo.” Reazione dell'AFP Sven Ari Gudjonsson, 55 anni, residente a Grindavik, evacuato a novembre. “È irreale. È come guardare un film.”Aggiunge quest'uomo che lavora nel settore della pesca.

READ  Aggiornamento stato alle 21:00

“giorno nero”

Intervenendo in una conferenza stampa, il primo ministro islandese Katrín Jakobsdóttir ha espresso il suo rammarico “Una giornata nera per Grindavik e per tutta l’Islanda.” “Ma il sole sorgerà di nuovo.” Promisi. “Insieme affronteremo questo trauma”.

Grindavik, con una popolazione di 4.000 abitanti, è stata evacuata l'11 novembre a titolo precauzionale dopo centinaia di terremoti causati dal movimento di materiale fuso sotto la crosta terrestre, precursore di un'eruzione vulcanica.

Questi terremoti hanno causato danni alla città, provocando grandi crepe nelle strade, nelle case e negli edifici pubblici. “L’ultima volta che la lava ha raggiunto le case è stato 51 anni fa.”ha ricordato il presidente Gudni Johansson durante un raro discorso alla televisione pubblica. “Speriamo che la situazione si calmi e che tutti possano tornare, ma (…) tutto è possibile. Dobbiamo rimanere ottimisti”.Ha aggiunto.

Poco dopo l'eruzione del 18 dicembre, ai residenti è stato permesso di tornare brevemente a Grindavik e poi definitivamente dal 23 dicembre, prima di essere evacuati d'urgenza durante la notte da sabato a domenica. Solo poche decine di residenti sono tornati alle loro case. Sabato sera, le autorità hanno emesso l'ordine di evacuare la città entro lunedì a causa dell'attività sismica e del suo impatto sulle faglie della città. Quindi hanno dovuto aumentare il ritmo durante la notte.

scomparsa

Questa decisione arriva anche dopo la scomparsa, mercoledì, di un islandese di 51 anni che stava lavorando in un giardino privato quando improvvisamente la terra gli è crollata sotto i piedi.
L'uomo, che non è stato ritrovato, è caduto in una crepa alta più di trenta metri. Le autorità stanno monitorando attentamente la centrale geotermica di Svartsinji, situata nella stessa zona, che fornisce elettricità e acqua a circa 30mila persone della zona, e le cui strutture sono protette da un muro.

READ  RTL Infos - Incidenti e incendi in Lussemburgo: Capodanno messo male per molti automobilisti

Fino all’eruzione del marzo 2021, la penisola di Reykjanes, a sud della capitale Reykjavik, era stata risparmiata dalle eruzioni vulcaniche per otto secoli.

Ce ne sono stati altri quattro, nell'agosto 2022 e nel luglio 2023, e il 18 dicembre 2023 e domenica mattina, un segnale ai vulcanologi che l'attività vulcanica nella regione è ripresa.

Quattro giorni dopo l'eruzione del 18 dicembre, le autorità hanno annunciato che l'attività vulcanica era cessata, ma non sono state in grado di determinare se l'eruzione fosse terminata, a causa della possibilità che la lava scorresse nel sottosuolo. Trentatré sistemi vulcanici sono attivi in ​​questo paese infuocato e ghiacciato, che è la regione più vulcanica d'Europa.