Maggio 17, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Una mafia italiana correva grazie a Google Maps

La polizia italiana ha scoperto tracce di una mafia che opera dal 2002 attraverso un’istantanea di Google Street View. Si era rifugiato in Spagna.

Questo è un arresto straordinario. Dopo due anni di indagini, la polizia italiana ha posto fine alla mafia Gioachino Camino, mafia che corre da vent’anni, a causa delle immagini trovate su Google Street View. Il 61enne è stato trovato nella città di Galapagos, una città di 25.000 persone vicino a Madrid, dove viveva sotto lo stesso nome.

Una persona come lui, che chiacchierava davanti a un negozio di frutta e verdura, è stata avvistata in un’istantanea di strada, hanno detto gli investigatori a Reuters. “La foto ci ha permesso di confermare l’indagine che stiamo crescendo in maniera tradizionale”, Citato da Nicola Aldero, vicedirettore della Divisione Polizia Italiana Antimafia (DIA), come citato dall’agenzia di stampa britannica.

Gioccino Camino, membro del gruppo mafioso siciliano Stida, è evaso dal carcere di Repibia a Roma nel 2002 e l’anno successivo è stato condannato all’ergastolo per omicidio. Le autorità affermano che l’uomo è attualmente in custodia in Spagna e potrebbe essere deportato in Italia entro la fine di febbraio.

Puoi trovare molte cose tramite Google Maps

Questa non è la prima volta che Google Street View o Google Maps aiutano a risolvere i problemi. Nel 2019, il corpo di un residente in Florida, Scomparso dal novembre 1997, Scoperto dalla vista satellitare di Google Maps. Barry Faye, 50 anni, di Wellington, ha contattato la polizia dopo che un vicino gli ha detto che c’era un veicolo sul fondo della sua piscina. Le forze disciplinari hanno poi scavato White Saturn SL nel 1994 e hanno scoperto lo scheletro di William Molt.

READ  Quando finirà la corruzione del mega progetto italiano bloccato dal sindacato STEG?

Un altro esempio: In Indonesia, Un giovane rapito all’età di 5 anni è riuscito a ritrovare alcuni ricordi della sua famiglia undici anni dopo e ha potuto fidarsi di Google Maps.