Novembre 28, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Una città islandese è minacciata di distruzione a causa di un’eruzione vulcanica

Una città islandese è minacciata di distruzione a causa di un’eruzione vulcanica

La città costiera di Grindavik, nel sud-ovest dell’Islanda, è stata evacuata sabato mattina dopo che il movimento del magma sotto la crosta terrestre ha innescato centinaia di terremoti.

Una città islandese di circa 4.000 abitanti, vicino alla capitale Reykjavik, rischia di subire gravi danni a causa di un vulcano che dovrebbe eruttare entro poche ore o pochi giorni, hanno detto gli esperti sabato 11 novembre.

La città costiera di Grindavik (sud-ovest) è stata evacuata sabato mattina dopo che il movimento del magma sotto la crosta terrestre ha causato centinaia di terremoti, che potrebbero essere i precursori di un’eruzione vulcanica.

“Siamo molto preoccupati per tutte le case e le infrastrutture della zona”, ha detto sabato Feder Rennison, capo della protezione civile e della gestione delle emergenze islandese.

Esplosione imminente

Grindavik si trova a circa 40 chilometri a sud-ovest di Reykjavik ed è vicino all’impianto geotermico di Svartsingi, il principale fornitore di elettricità e acqua per i 30.000 residenti della penisola di Reykjanes.

È anche vicino al resort geotermico Blue Lagoon, una popolare destinazione turistica che è stata temporaneamente chiusa all’inizio di questa settimana per precauzione.

“Il magma si trova ora a una profondità molto bassa, quindi ci aspettiamo un’eruzione al più presto entro poche ore, ma almeno entro pochi giorni”, ha detto Feder Rennison.

33 sistemi vulcanici attivi

Lo scenario più probabile sarebbe l’apertura di una crepa nel terreno vicino a Grindavik. “C’è una crepa lunga circa 15 chilometri, e ovunque in quella fessura possiamo vedere che potrebbe verificarsi un’eruzione”, ha detto, senza escludere la possibilità di un’eruzione sul fondo dell’oceano, che probabilmente causerebbe una grande cenere. nuvole.

READ  Comment parler de son mal-être et de sa santé mentale à son boss, selon une spécialiste

Terremoti e disturbi del terreno causati dalle infiltrazioni di magma hanno danneggiato strade ed edifici dentro e intorno a Grindavik. Una grande crepa ha squarciato anche il green del campo da golf della città, un’immagine ampiamente condivisa sui social media.

L’Islanda, che ha 33 sistemi vulcanici attivi, ha dichiarato lo stato di emergenza e ha ordinato l’evacuazione obbligatoria di Grindavik sabato mattina. Rifugi di emergenza e centri di soccorso sono stati aperti in diverse città vicine.

Dopo aver osservato più dell’accumulo di magma sulla superficie della superficie di un chilometro di protezione ambientale, il contatore dell’ufficio sull’isola (IMO) ha una presenza costante alla fine della giornata in modo che il magma sia disponibile per rimontare la verticale crostale.

“Questa infiltrazione di magma si è attenuata e la sua profondità massima è stimata a 800 metri sotto la superficie”, ha detto all’AFP Sara Barsotti, coordinatrice dei rischi vulcanici dell’IMO, alla fine di sabato.

“Quello a cui assistiamo oggi è un evento senza precedenti. Parliamo di velocità di questo processo e di volumi o portate (di magma, ndr) molto più alti di quanto abbiamo visto finora nella penisola”, ha detto.

Aspettatevi un nuovo ciclo di attività vulcanica

Ci sono state tre eruzioni vicino a Fagradalsfjall sulla penisola di Reykjanes, nel marzo 2021, nell’agosto 2022 e nel luglio 2023. Sarah Barsotti ha spiegato che la crosta terrestre è stata schiacciata così gravemente negli ultimi tre anni da queste eruzioni che i fluidi fusi sono stati in grado di trovare la strada più velocemente. .

I vulcanologi stimano che questo nuovo ciclo di maggiore attività potrebbe durare diversi decenni o addirittura secoli. L’Islanda si trova nell’Oceano Atlantico settentrionale, a cavallo della dorsale medio atlantica, una fessura nel fondale oceanico che separa le placche tettoniche eurasiatica e nordamericana.

READ  Giovani dipendenti dalla droga

Nell’aprile 2010, una massiccia eruzione di un altro vulcano islandese, Eyjafjallajökull, nel sud dell’isola, ha portato alla cancellazione di circa 100.000 voli, lasciando a terra più di 10 milioni di passeggeri.

I più letti