Settembre 26, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Un nuovo puzzle per costruire le piramidi è stato finalmente risolto

I misteri della costruzione delle piramidi d’Egitto continuano ad affascinare gli archeologi. Nuove analisi lo confermano La presenza di un canale di navigazione per il trasporto di enormi blocchi di pietra.

Articolo di

pubblicato

momento della lettura : 1 minuto.

Oggi, le piramidi di Giza si affacciano su quartieri affollati in una regione arida. Il Nilo è a soli dieci chilometri di distanza. Ma se torniamo indietro di oltre 4.000 anni fa, dobbiamo immaginare un paesaggio completamente diverso. “È una terra paludosaspiega Christophe Morang, professore di geografia fisica.

“C’è un’alluvione che dura dai quattro ai cinque mesi all’anno. Quando non siamo nel periodo delle inondazioni, c’è questo canale e i bacini d’acqua, quindi è un paesaggio molto acquatico.

Christophe Morang, professore di geografia fisica

in franceinfo

Così è stato possibile per gli operai utilizzare questi bacini per trasportare gli enormi blocchi di pietra, provenienti dalle cave di Assuan che distano più di 800 km, e utilizzati in questi giganteschi cantieri che stavano costruendo le piramidi. Alcuni anni fa, un archeologo americano fu il primo a descrivere l’esistenza di un canale che raggiungeva il fondo delle piramidi. “Usare il Nilo è la soluzione più ragionevoleAvanzate Christophe Morang. Ma fu il primo a pubblicare, qualche anno fa, un modello per la mappatura dell’ubicazione di questo canale, e più precisamente dei bacini che consentivano di spostare e abbassare le pietre che consentivano la costruzione delle piramidi.

Per provare a convalidare questa ipotesi, Christophe Morang e il suo team si sono recati sul sito per prelevare campioni dal seminterrato. “In queste fosse siamo stati in grado di identificare il polline, e quindi il polline ha permesso di ricostruire la storia della vegetazioneDettagli del mondo. Successivamente, hanno permesso di stimare indirettamente la vicinanza al Nilo, se avesse una grande portata o se fosse in via di riduzione in termini di portata.

Resta solo da scoprire il relitto ora. “Sono convinto che un giorno troveremo una di queste zattere che portavano pietre alle piramidi, sarà un vero mestolo antico. ! Conferma Christophe Morang. IlQuesta volta, il team di ricercatori sta continuando le analisi per identificare i resti degli strumenti.

READ  SAGESSE : Des force differenti chez les femmes et chez les hommes