Gennaio 24, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Un nuovo blocco e il rischio che durante le feste compaiano scaffali vuoti?

La tensione è leggermente aumentata dopo tre mesi Annunciando la chiusura del sito logistico di Neville. Quasi un centinaio di lavoratori hanno effettuato oggi due nuove operazioni di disabilità nella prefettura dell’Hainaut. La lotta con la gestione della logistica e la minaccia di (ri)vedere scaffali vuoti aumenta con l’avvicinarsi delle festività natalizie.

Mercoledì mattina i lavoratori hanno chiuso il magazzino Cora a Floros. Obiettivo: premere il sito ufficiale della logistica, Kuehne + Nagel.

Comincia già a essere vuoto” ha affermato Didier Lippi, segretario permanente del CNE. “Abbiamo visto chiaramente durante i tre o quattro giorni di sciopero di settembre che hanno chiuso il sito per un mese, tutti gli scaffali erano vuoti. Ora stanno ricominciando l’attività e ci chiedono di fare gli straordinari e così via. “

Tre mesi dopo l’annuncio della chiusura del magazzino di Nivelles, le trattative con la direzione hanno iniziato a chiudersi.

Non ci illudiamo, vogliamo discutere ora del piano sociale

“Ci dicono che dobbiamo lavorare durante le vacanze, fare gli straordinari durante le vacanze, accettare lavoratori interinali durante le vacanze, e poi continueremo con il piano sociale,Didier Lippi ha continuato. “Ma non ci siamo fatti ingannare, sappiamo benissimo che l’attività a gennaio/febbraio è minore e che avremo meno margini di manovra. Vogliamo discutere del piano sociale ora, durante le vacanze”.

Sono stati colpiti un totale di 549 posti di lavoro. Gli atti di malcontento si susseguono e acquistano slancio. Oggi il magazzino bloccato, il magazzino di Cora a Floros, è gestito dalla stessa logistica, Kuehne + Nagel.

“Ci hanno cacciato, 550 partenze, non sappiamo quando, non sappiamo cosa. Non ci sentiamo un po’ soli, politicamente, a livello dirigenziale”, spiega Michael Common, delegato sindacale CNE.

READ  "Conquista i governi e l'industria con la forza della sua ambizione": ecco la persona dell'anno di TIME.

“Le persone sono preoccupate per cosa lasciano e in quali circostanze. Perché non ci sono informazioni. Le persone stanno giocando il loro futuro, hanno famiglie e bambini…”, Aggiunge Natalie Pinato, un magazziniere presso Neville Logistics.

Crossroads ha anche sottolineato

Poche ore dopo, gli eventi sono continuati davanti al negozio Carrefour di Gossels. Lo stendardo è stato anche contrassegnato dalle corporazioni.

“Non è l’unico fattore in questa separazione collettiva, ma Carrefour … che non dà volume a Nivelles Logistics. E questo è il problema”, Barbara Leduc, segretaria permanente del CGSLB spiega

no Kuehne + NagelCarrefour non ha risposto alle nostre richieste prima del nuovo consiglio aziendale previsto per domani. Se le trattative si bloccavano, i lavoratori minacciavano di tagliare il loro lavoro. Con un messaggio chiaro: con l’avvicinarsi delle vacanze, gli scaffali potrebbero essere irrimediabilmente vuoti.