Agosto 9, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Un matrimonio franco-italiano tutto in rose – Un matrimonio franco-italiano tutto in rose

I vini di Provenza e Valdense hanno preannunciato le nozze in rosato prima di partire per una luna di miele nel Nord Europa.

Un’alleanza di vini franco-italiani della Provenza e del Valdese dovrebbe consentire di conquistare i mercati tedesco, belga e olandese. Questa riconciliazione della comunicazione consentirà ai due vigneti di recuperare dall’UE una dotazione di 680.000 euro all’anno in tre anni per organizzare varie attività con il pubblico e gli operatori professionali nell’ambito del miglioramento della produzione agricola. (Mostre, dimostrazioni, masterclass, festival.)…” Abbiamo anche pensato di lavorare con l’industria dell’olio d’oliva. Menziona Eric Pastorino, capo della media industria provenzale. Ma alla fine, abbiamo scelto di assumere il nostro ruolo di leader e cercare un’alleanza con un’altra denominazione rosata che non fosse una copia dei nostri vini. Doveva già produrre vini di qualità e desiderava disperatamente spostare il mercato e rendere questo colore una priorità. “. Quindi questo è il caso Valdenaceae nel nord Italia Produce rose più pressanti a differenza della maggior parte delle rose sanguinanti italiane e beneficia anche dei meravigliosi paesaggi vicino al Lago di Garda. Dopo vari scambi e degustazioni a Milano con sommelier italiani, le due aree non hanno potuto che osservare una buona intesa e un’identità comune tra il lago e il mare con lo slogan “più di un colore” tradotto in diverse destinazioni. Mercati.

Per informare il pubblico, in particolare i millennial, sull’unicità dei vini rosati di Provenza e Valdés, la campagna comunica sui quattro pilastri principali comuni alle due regioni: paesaggi mozzafiato, arte viva, unicità. Conoscenza e bisogno.

© DOTT

Combinazione di fiori o rose

Vins de Provence produce ogni anno 152 milioni di bottiglie di vino rosato, mentre il Consorzio Valtènesi ne pesa solo 2 milioni. I vini non hanno necessariamente la stessa cartella colori (” Ma non è questo il punto, Eric Pastorino sottolinea che quelli provenzali, serviti come aperitivo, sono più aromatici e raffinati, principalmente con l’aroma dei frutti bianchi, mentre gli italiani sono vini più gastronomici che non possono essere commercializzati prima del 14 luglio dell’anno successivo alla vendemmia. Si accompagna a cibi ricchi di minerali, in particolare pesce di lago e panna. Eric Pastorino non vuole fermarsi qui. Propone la creazione di un’associazione internazionale di rose con altre regioni vinicole straniere. ” Poiché esportiamo il 40% dei nostri vini e siamo leader in termini di qualità, abbiamo tutto il diritto di cercare altre denominazioni che condividano la stessa filosofia degli Hamptons sulla costa orientale degli Stati Uniti. Può trattarsi di collegare i produttori di vino o di organizzare attività congiunte come i “rosé club”, concentrandosi tanto sui vini quanto sui terroir. “. Apprezzando i pregi delle attività trasversali, anche di altri prodotti agroalimentari, gli italiani sanno bene che in Francia è molto delicato.

READ  Acquisizioni nel mondo podcast italiano: Sora Media acquista Will