Febbraio 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Ti credo” tatuato sulla pelle: “Preferiamo credere a una potenziale vittima piuttosto che a un potenziale stupratore”.

“Ti credo” tatuato sulla pelle: “Preferiamo credere a una potenziale vittima piuttosto che a un potenziale stupratore”.

“Non liberarmi, ci penso io”, “Lascia stare le ragazze”, “Tua madre le fischierà?”… Gli slogan femministi si sono evoluti negli ultimi cinquant'anni, sulla scia di una battaglia -combattuto rivoluzione.

Parità di diritti negli anni ’70 (“Un uomo su due è una donna”), diritto all’aborto negli anni ’80 (“Il mio corpo, la mia scelta”), lotta contro la violenza domestica (“Cry Louder, The Neighbours Are Deaf” ) e, più recentemente, i femminicidi (“Allora O cantate, ha ucciso la donna o l’artista?”, “In quindici omicidi di donne è Natale”, “Una donna non nasce donna, ma noi moriamo per lei “); Ogni epoca ha il suo gioco di parole per denunciare le discriminazioni e le violenze di cui soffrono le donne.

Gli slogan possono anche riferirsi a luoghi ed eventi specifici come l'8 marzo, la giornata della lotta per i diritti delle donne (“Diritti, non fiori”) o i diritti delle donne in Iran dopo la repressione del regime islamico nel 2023 (“Donne, vita, vita “). libertà”).

da #Anche ioMolti slogan si sono sviluppati attorno al sessismo e alla violenza sessuale: “Stop allo stupro”, “Stupratore, dovresti avere paura”, “La mano sul mio culo, il mio pugno in bocca”.

“Ti credo”

Il più famoso è senza dubbio “I Believe You”. Una semplice frase lanciata dalle femministe spagnole nel 2018 (ti credo). L'idea alla base di questo slogan è quella di scegliere di credere prioritariamente alle parole della vittima.

Questo slogan è diventato così forte che ha permesso alle manifestazioni di mettere radici nella mente delle donne e di penetrare nella pelle delle femministe e dei loro alleati. A Liegi, Zazou ha già tatuato più di 150 persone con la frase “Ti credo”. “È come un tatuaggio abbinato per oltre 150 persone che hanno i tuoi stessi valori. Trovare quel tatuaggio per strada può far sentire bene. È una specie di fantastica terapia di gruppo.”

Tra queste 150 persone tatuate c'è Lola, 24 anni. “Non conosco un solo amico che non abbia subito violenza sessuale o di genere. Sono in una buona posizione per sapere che è difficile parlarne, l'ho sperimentato io stesso. Quindi, questo tatuaggio è un collegamento tra diverse generazioni, mia nonna, mia madre e mia sorella. Ci fidiamo sempre di te.”

Scopri, su Vews Networks, come Zazou ha iniziato questo “tatuaggio gigante abbinato” e perché significa così tanto per Lola.

READ  Un picnic tra padre e figlia il giorno dopo la festa nazionale