Luglio 21, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Tensione visibile tra Reimer e Vanhaysbrouck: “Non ha paura di me, è raro…” – All Football

Tensione visibile tra Reimer e Vanhaysbrouck: “Non ha paura di me, è raro…” – All Football

In assenza di attività in campo, ce n’erano alcuni ai margini: l’arbitro ha dovuto separare Hein Vanhaezebrouck e Brian Riemer. Il dibattito è continuato in sala stampa.

E Brian Reimer et al Heine Vanhaysbrouck Dopo aver mostrato un sorriso amichevole in una conferenza stampa, i due uomini potrebbero non andare a bere qualcosa insieme tanto presto. La loro lotta fisica è iniziata al limite del campo quando Rimmer è uscito dalla sua area per prendere la palla che Hein Vanhaysbrouck teneva sotto il braccio, uno dei giocatori del Ghent a terra; Ha continuato verbalmente con un sorriso dopo la partita.

Prima in olandese, quando Vanhisbrouck spiegò la situazione. “Nessun problema. Il mio compagno di squadra era un po’ turbato, ecco cosa succede. Ma evidentemente non aveva paura di me, è uscito dalla sua area per entrare nella mia. È raro che gli allenatori avversari non abbiano paura di me”, ha scherzato. Potente allenatore Lagantoise. “O giocatori, in passato.”

Lironi de Vanhaysbrouck

Tuttavia, con la sua solita buona indole, Brian Rimmer gli risponderà immediatamente. “Sono arrabbiato? No, volevo solo prendere la palla”, sorride il danese, e questa volta Vanhisbrouck risponde direttamente in inglese. “Buona fortuna per arrivarci”, dice. Altro argomento di discussione: il numero di partite. Vanhisbrouck mette già in evidenza il numero di partite giocate da La Jeantoise: 25, contro le 15 dell’Anderlecht.


Alla domanda su questo argomento, Remer ha risposto: “Certo, può giocare un ruolo, ma penso anche che i top club dovrebbero aspirare a quello. Ti permette di stabilire un buon stato d’animo, di essere in grado di far funzionare il tuo core. ” “L’Europa è un obiettivo. Se non sei felice di giocare lì, è un problema”, ha detto l’allenatore dell’Anderlecht. “Non ho detto che non siamo felici, lo siamo”, risponde Vanhisbrouck.

Infine, il colpo finale dell’allenatore Bufalo : Dopo che Brian Reimer ha elogiato il coraggio di Jan Vertonghen, che ha giocato nonostante un forte dolore alla caviglia, Vanhaysbrouck ha rivolto “congratulazioni speciali”: “Mi sono congratulato con Jan per il suo gioco, ma anche perché è l’unico giocatore dell’Anderlecht a non essersi fermato. “ (implicito: per risparmiare tempo, non dichiarato). Dovrebbe essere decente, vero?” “Anche tu sei un medico, eh?” concluse Rimmer con un grande sorriso. Buona fortuna…

READ  Parigi-Roubaix - Mathieu Van der Poel, i poids de l'histoire et de la course