Maggio 29, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il telescopio James Webb rivela la fusione di buchi neri giganti più distante mai vista!

Il telescopio James Webb rivela la fusione di buchi neri giganti più distante mai vista!

Nel nostro mondo, le collisioni tra costellazioni nere non sono rare. Ma ciò che gli astronomi hanno appena osservato non è proprio come gli altri. Perché accade agli albori della storia. In un momento in cui è difficile persino immaginare la possibilità dell’esistenza di enormi buchi neri!

Il nostro universo è enorme. Ma a volte i corpi cosmici si scontrano. È molto comune. Buchi neri compresi. Negli ultimi dieci anni, interferometri LegoLego et al VergineVergine Ne furono così individuati un centinaio. Oggi, grazie ai dati inviati dal telescopio spaziale James Webb, un team internazionale è riuscito a scoprirloScienziati di astronomiaScienziati di astronomia È stato in grado di osservare una collisione tra due enormi buchi neri. La collisione è alquanto insolita perché è avvenuta quando l’universo non aveva più di 740 milioni di anni. Il che lo rende l’oggetto più lontano mai scoperto.

I buchi neri hanno una massa decine di milioni di volte la massa del nostro Sole

“Abbiamo trovato prove di un gas molto denso movimentimovimenti I pendii vicini del buco nero, così come il gas caldo e altamente ionizzato illuminato dalla radiazione energetica che i buchi neri tipicamente producono durante il loro vortice.AccumuloAccumuloHannah Opler, astronoma dell’Università di Cambridge (Regno Unito), afferma nel suo articolo Comunicato stampa dell’Agenzia spaziale europea (Agenzia spaziale europeaAgenzia spaziale europea). Grazie alla risoluzione senza precedenti delle immagini registrate dal telescopio spaziale James Webb, siamo riusciti a separare spazialmente i due buchi neri.

Il sistema è noto come ZS7. Ah collettivocollettivo La mia stella proviene dal nostro accordo galassiagalassia Vicino, Grande Nube di MagellanoGrande Nube di Magellano. Oggi gli astronomi ci dicono che in realtà è costituito da due buchi neri la cui massa è forse circa 50 milioni di volte la massa della Terra. SullySully Tutto.

READ  Il telescopio James Webb cattura nuovi dettagli della galassia "Fantasma".

Collisioni di buchi neri supermassicci ed evoluzione delle galassie

Ricordiamo che i ricercatori ora sanno che i buchi neri supermassicci di questo tipo sono nascosti nelle galassie più massicce dell’universo locale. Compresa la nostra galassia, la Via Lattea. Credono che questi buchi neri abbiano avuto un impatto significativo sull’evoluzione di queste galassie. Tuttavia, ancora non capivano davvero come queste cose fossero diventate così grandi. Tanto più che la scoperta di tali buchi neri esisteva già nel primo miliardo di anni dopo l’età della pietra la grande esplosionela grande esplosione Indica che la loro crescita deve avvenire molto rapidamente.

I risultati ottenuti qui utilizzando il telescopio spaziale James Webb confermano il ruolo dei buchi neri massicci nell’evoluzione delle galassie. Suggeriscono anche che la collisione poi fusionefusione I buchi neri rappresentano un percorso importante attraverso il quale questi oggetti massicci possono crescere rapidamente, anche in…albaalba Universo.

Onde gravitazionali dopo la fusione dei buchi neri

Dopo la collisione, una volta che i due buchi neri supermassicci si fonderanno, nasceranno Onde gravitazionaliOnde gravitazionali Che può essere rilevato dagli interferometri di prossima generazione come la missione Interferometro laser per antenna spaziale (LisaLisa). Questo è stato approvato dall’Agenzia Spaziale Europea e sarà il primo osservatorio spaziale dedicato allo studio delle onde gravitazionali. Alla luce di quest’ultima scoperta, i ricercatori ritengono di poter rilevare molte più fusioni di buchi neri relativamente leggeri di quanto pensassero in precedenza.

Le collisioni dei buchi neri sono meglio comprese: “Questo è un enorme passo avanti”

Nel frattempo, gli astronomi continueranno a utilizzare il telescopio spaziale James Webb per studiare in dettaglio la relazione tra i buchi neri supermassicci e le galassie che li ospitano durante il primo miliardo di anni dell’universo. Tenteranno di caratterizzare sistematicamente le fusioni di buchi neri per determinare… VelocitàVelocità in cui si sono verificati nelle prime epoche cosmiche e valutiamo in particolare il loro ruolo nella crescita iniziale dei buchi neri.

READ  Il mistero delle turbine eoliche nel Mediterraneo