Aprile 24, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Sospendere l'accreditamento dei lobbisti di Amazon al Parlamento europeo

Sospendere l'accreditamento dei lobbisti di Amazon al Parlamento europeo

I lobbisti di Amazon non sono più i benvenuti nei corridoi del Parlamento europeo. Martedì i servizi amministrativi del Parlamento hanno deciso di ritirare i loro stanziamenti per una durata attualmente indeterminata. La decisione è stata presa nonostante il rifiuto del gigante tecnologico di partecipare e rispondere alle domande dei parlamentari sulle condizioni di lavoro nei suoi magazzini situati nell'Unione Europea.

Pubblicato su:

1 minuto

Con il nostro corrispondente a Bruxelles. Lore Brower

A presentare la richiesta all'inizio di febbraio è stata la Commissione parlamentare per l'occupazione e gli affari sociali. I deputati hanno sottolineato i ripetuti rifiuti da parte dei rappresentanti di Amazon di comparire alle udienze. Secondo quanto riferito, la società ha anche annullato una visita ai suoi magazzini in Germania e Polonia lo scorso dicembre.

La risposta di Amazon non è corretta, citando le sfide logistiche associate alle festività natalizie. L'azienda americana ha già risposto sul suo sito. Si dice delusa dalla decisione del Parlamento. I suoi rappresentanti sono membri effettivi dell'istituzione; Solo a gennaio si sono incontrati con nove parlamentari, secondo la confederazione sindacale europea UNI Europe.

I dipendenti dell'azienda hanno anche chiesto l'esclusione di Amazon dal Parlamento, con il sostegno di sindacati e ONG, nonché della sinistra e dei liberali. Adesso è fatto. Su Twitter, l'eurodeputato rumeno Dragos Pešlaru, presidente della commissione per gli affari sociali, ha accolto con favore l'importante passo avanti verso il rispetto della voce dei cittadini europei. ” Non può esserci cooperazione senza trasparenza “, lui sta scrivendo.

Leggi ancheFrancia: la CNIL ha multato Amazon per 32 milioni di euro