Agosto 12, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Siccità: chi gestisce i controlli e cosa si rischia se le restrizioni non vengono rispettate?

primario
Le ondate di caldo raddoppiate a giugno e luglio hanno causato gravi siccità in gran parte della regione. Quindi sono state imposte restrizioni a privati ​​​​e professionisti per ridurre il consumo di acqua.

Luglio 2022 è il luglio più secco dal 1959. 57 amministrazioni sono state poste a livello di “crisi” e altre 31 sono state poste in massima allerta a causa della siccità. Vengono messi in atto vari divieti per ridurre il consumo di acqua e si mobilita la polizia ambientale per far rispettare le regole. A quali divieti e sanzioni ti esporresti se non li rispettassi?

Varie restrizioni

Sono previste diverse restrizioni a seconda del livello di allerta. Quando il governatore annuncia che il livello di allerta aumentato è attivo, i prelievi di acqua devono essere ridotti. Per i privati, ciò richiederebbe maggiori limiti ai prelievi in ​​parchi acquatici, campi da golf, spazi verdi o persino un autolavaggio. Più vicino alla tua contea

Se il livello di crisi inizia, “sono ammessi solo campioni che consentono l’esercizio di utenti prioritari (salute, sicurezza civile, acqua potabile, servizi igienico-sanitari)”, secondo il ProbloviaSito web di informazioni statali sulla siccità. Pertanto, è vietato rifornire, riempire o svuotare piscine private di superficie superiore a 1 m3, vietare l’irrigazione di prati e aiuole, il lavaggio delle auto, nonché la fornitura di fontane pubbliche e private .

“Polizia dell’acqua” in azione

Dal 2020, l’Ufficio francese per la biodiversità (OFB) è responsabile della “Polizia dell’acqua”. Il loro compito è controllare che le restrizioni idriche applicabili al tuo settore siano rispettate. Il suo monitoraggio si rivolge agli agricoltori, alle imprese e alle comunità, nonché agli individui. Dovrebbero incoraggiare, senza forzare, la fornitura di acqua. Soprattutto per l’irrigazione dovresti organizzare degli orari (per evitare l’evaporazione). Possono intervenire in casa o avere uno specialista per controllare il corretto utilizzo dell’acqua, anche se la mancanza di personale ostacola un monitoraggio sufficientemente ampio.

READ  Approfitta dell'offerta di gruppo e congiunta

Rischi se le regole non vengono rispettate

Anche se il lavoro della polizia idrica è legato soprattutto alla sensibilizzazione e si basa principalmente sulla responsabilità individuale, se non si rispettano le regole si rischiano le multe. Infatti, se riempite la vostra piscina quando è vietato, o se innaffiate il vostro giardino al di fuori degli orari stabiliti dalla contea, rischiate una multa di 1.500 euro. Per le persone giuridiche (aziende, associazioni, enti locali) tale importo può arrivare fino a 7.500 euro.