Luglio 25, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Si prega di pagare la cifra dovuta” Mancano le monete da 10 e 20 centesimi alle casse dei nostri negozi: perché non produrne di più?

“Si prega di pagare la cifra dovuta” Mancano le monete da 10 e 20 centesimi alle casse dei nostri negozi: perché non produrne di più?

Anche per il settore bancario confermiamo questa persistente carenza. Secondo Febelfin, l’associazione belga del settore finanziario, ciò è dovuto ancora a un duplice motivo: la mancata circolazione delle monete detenute dai privati ​​e la guerra in Ucraina che porta alla carenza di materie prime per coniare le monete.

Ma il settore bancario svolge solo un “ruolo di distribuzione” del denaro e non ha alcuna influenza sulla sua produzione, sottolinea Veblevin. Questa responsabilità spetta al Tesoro pubblico all’interno del Dipartimento Finanze dell’FPS. Perché non produrre di più?

Se l’amministrazione federale è ben consapevole della carenza, ritiene che il problema sia legato più alla circolazione che alla produzione di moneta.

Anche la produzione ha un costo

Non sono mai state in circolazione così tante monete, ad eccezione di 1 e 2 centesimi, come oggi, ovvero 4.239.851.549 in totale. Quindi non c’è scarsità nel nostro Paese“, spiega la portavoce di FPS Finanze, Florence Angelisi.Tuttavia, questa grande quantità di monete non circola a sufficienza e rimane in gran parte accumulata dai singoli individui nei loro salvadanai.“.

Questa mancanza di flusso porta ad una domanda anormalmente elevata di monete, il che significa che questa domanda di mercato non corrisponde all’uso complessivo di contanti nel nostro Paese, analizza l’SPF. “L’idea è di non produrre monete che non circoleranno, perché anche la produzione ha un costo.“, aggiunge il portavoce.

READ  Energia: quasi una famiglia su dieci ha la risorsa più economica