Marzo 3, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Salute mentale digitale, un mercato in forte espansione

Salute mentale digitale, un mercato in forte espansione

Stéphane Vial, ricercatore regolare presso il Centro di ricerca dell’Istituto universitario di salute mentale di Montreal e professore presso la School of Design dell’Università del Quebec a Montreal (Foto: Courtesy)

Facilitare l’accesso alle cure, combattere lo stigma o offrire nuovi strumenti per la gestione di disturbi come l’ansia: le promesse di soluzioni digitali nella salute mentale sono numerose. anche ostacoli. Nonostante tutto, gli imprenditori stanno entrando in questo mercato, desiderosi di fare la differenza. Una panoramica di un settore emergente.

La pandemia ha messo a nudo le terapie in videoconferenza e le app di supporto sanitario e psicologico online. “Ciò ha portato alla consapevolezza dell’importanza della salute mentale”, afferma Stéphane Vial, ricercatore regolare presso il Centro di ricerca dell’Istituto universitario di salute mentale di Montreal e professore presso la School of Design dell’università. Dal Québec a Montréal.

Le esigenze in questo settore sono in aumento. Circa 20.000 persone stanno ancora aspettando un primo appuntamento con un professionista della salute mentale in Quebec, secondo il Ministero dei servizi sociali.

Il titolare della cattedra Diament osserva che, in media in Quebec, CIUSSS o CISSS utilizza tra i 400 ei 900 sistemi informativi, dal software del libro paga al software che gestisce la coda degli ordini. “Ti dice quanto sia sorprendente la complessità tecnologica”, spiega Stefan Vial.

Secondo Stephen Guay, le soluzioni digitali nel campo della salute mentale hanno ancora molti vantaggi. “Offre ai pazienti un accesso più facile ai metodi di cura. Contrasta anche lo stigma associato alla consultazione di uno psichiatra o di un istituto di salute mentale”, afferma il direttore scientifico del Centro di ricerca dell’Istituto universitario di salute mentale di Montreal.

READ  La scoperta quantistica ci permette di intravedere l’esistenza di un altro mondo

La persona che è anche condirettore dell’Axel Center, un acceleratore di intelligence tecnologica per la salute mentale, ritiene che questi strumenti permettano di raggiungere coloro che non hanno la capacità di consultare. Nelle regioni, ad esempio, le specialità richieste non sono sempre disponibili. Può dare accesso a cure adeguate ed efficaci”.

Questo modo di fare le cose non giova solo ai pazienti. Anche le parti interessate trovano i loro account. “Avendo stili di intervento complementari, i medici possono adattare i loro approcci per vedere più pazienti e aiutarli in modi diversi”.

Le soluzioni ci sono

I Quebec ora hanno solo l’imbarazzo della scelta. Piattaforme Web, app mobili e altre strategie di auto-cura della salute mentale a portata di mano. Tuttavia, il condirettore dell’Accel Center sottolinea che l’offerta in francese è ancora limitata.

“L’implementazione della strategia di accelerazione e integrazione della salute mentale digitale del Quebec in Quebec dovrebbe superare questo ostacolo nel tempo”, afferma Stéphane Guay.

È difficile al momento conoscere il numero esatto di gadget digitali sviluppati nella provincia. Il Quebec ne offre solo quattro sul suo sito web.

“Ci sono due piattaforme web in particolare, go my best way and find your soul. Entro la fine dell’anno ci sarà un sito dedicato a una strategia di salute mentale digitale che includerà altre risorse”, aggiunge Stephane Guay.

Dal suo inizio nel 2018, l’Accel Center ha intrapreso sei progetti, che vanno da un’applicazione mobile per giovani vittime di bullismo alla terapia con avatar per alleviare gli effetti delle allucinazioni uditive nei pazienti con schizofrenia.

limiti digitali

Il condirettore sottolinea inoltre che sempre più aziende stanno emergendo in questo settore. Questo mercato emergente si sta sviluppando rapidamente in tutto il mondo. “In Quebec, le aziende sviluppano strumenti che non sono sempre progettati con solide basi scientifiche”, osserva Stéphane Guay. Per questo non possiamo affidarci solo all’innovazione degli imprenditori per sopperire alla mancanza di risorse”.

READ  "Attraverso il mio lavoro, volevo studiare l'intimità del lavoro creativo."

Pierrich Plusquellec, co-fondatore di EmoScienS, chiede anche un “certificato etico”, che sarà allegato agli strumenti che ne garantiscono l’etica. “C’è una questione di fiducia e accettazione sociale su cui bisogna ancora lavorare”.

“L’uso della salute digitale è esploso durante la pandemia, osserva Stefan Vial. Il tasso di utilizzo è aumentato. In precedenza, i numeri in questo senso erano disastrosi. Poi si considerava che il 46% delle applicazioni sanitarie aveva meno di un utente attivo per mese. L’impegno continuo rimane, su base regolare, è una sfida.”

Anche se il personale addetto alla salute mentale non è ancora addestrato all’uso di soluzioni digitali, l’applicazione non avverrà nemmeno gridando forbici.

Stephen Guay rimane ottimista. Oltre alla strategia digitale, c’è un terreno fertile per l’intelligenza artificiale in grado di supportare innovazione e miglioramento continui. Altre organizzazioni, come MEDTECH+, stanno creando collegamenti tra aziende e ricercatori. Ci sono tutti gli ingredienti per fare un buon lavoro”.