Luglio 21, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Questo tipo di bambù, che fiorisce ogni 120 anni, è un mistero per i ricercatori

Questo tipo di bambù, che fiorisce ogni 120 anni, è un mistero per i ricercatori

Bambù Henon noto come Phyllostachys nigra var. L’Hinonese è coltivato in Giappone dal 19° secoloH un secolo. Originario della Cina, questo tipo di bambù ha una particolarità che lo rende completamente diverso dalle altre tipologie. Fiorisce solo una volta ogni 120 anni prima di morire. Sono quindi bambù monocarpici, ovvero muoiono dopo la prima fioritura.

In Giappone, l’ultima grande fioritura di Phyllostachys nigra var. La storia della pianta dell’henonis risale al 1908. Pertanto, i ricercatori si aspettano di assistere alla prossima fioritura entro il 2028. Per loro, questa sarà l’occasione ideale per scoprire i segreti del bambù dell’henonis. La rigenerazione di questo tipo di bambù suscita da sempre l’interesse degli esperti che cercano di capirne il funzionamento.

Le piante di bambù Henon che fioriscono presto non hanno semi da rigenerare

Per darti un’idea, Phyllostachys nigra var. Hiñones occupa 1.700 chilometri quadrati di foreste di bambù nel Paese del Sol Levante. Tuttavia, i ricercatori non sanno ancora esattamente come si rigenera questo bambù.

In Giappone sono già fioriti alcuni esemplari dell’attuale generazione di bambù hinon, la cui fioritura è prevista per il 2028. I ricercatori dell’Università di Hiroshima stanno quindi cogliendo l’occasione per studiare questa specie misteriosa nella speranza di svelarne i segreti.

Uno studio pubblicato quest’estate sulla rivista scientifica Un vantaggio Osserva la rigenerazione delle piante di bambù. I ricercatori non sono riusciti a risolvere il mistero, ma hanno fatto alcune osservazioni importanti. Hanno scoperto che la maggior parte degli esemplari in fiore non contenevano semi. A questi esemplari mancavano anche nuovi steli che crescevano dalle radici di quelli che fiorivano. Concretamente, ciò significa che il bambù Henon ha una riproduzione asessuata limitata. Pertanto, gli attuali giacimenti di bambù henon sono a rischio di estinzione in Giappone.

READ  Studi medici: la fattura sanitaria di Frank Vandenbrooke convalidata ma senza Inami

Gli steli di questo tipo di bambù non producono semi per la rigenerazione

Come spiega Toshihiro Yamada, biologo conservatore ed ecologo forestale dell’Università di Hiroshima: “ 120 anni fa, gli scienziati non descrivevano bene la fioritura della specie. Pertanto, non sappiamo molto sull’ecologia della fioritura e sul processo di rigenerazione di questo tipo di bambù ».

Le prime piante di bambù Henon studiate dai ricercatori giapponesi nel 2020 fiorivano con 334 culmi (lo stelo principale del bambù). Dei 334 fiori, l’80% degli steli fioriti negli ultimi tre anni non hanno prodotto semi. Nessuna pianta di bambù è sopravvissuta fino alla fine del 2022. Ciò è ovviamente molto preoccupante per l’attuale generazione che presto fiorirà in Giappone.

Resta la domanda su come la paglia morta sia stata sostituita da una nuova generazione. Ovviamente la rigenerazione sessuale non funziona, perché questa specie non riesce a produrre semi », nello specifico Toshihiro Yamada.

Leggi anche >> Pollice di panda contro germogli di bambù

Henon Bamboo avrà un sistema di rigenerazione sotterraneo

I ricercatori giapponesi ipotizzano che il bambù henon si rigeneri sottoterra dopo la fioritura. Quindi Phyllostachys nigra var. Gli Hiñones non scompariranno del tutto, ma la generazione che prospererà entro il 2028 impiegherà molto tempo per ricrescere, forse diversi anni.

Pertanto, questo fenomeno potrebbe essere disastroso, sia dal punto di vista ambientale che economico. Il bambù Henon copre una vasta area del Giappone e la sua assenza distrugge gli ecosistemi prima che la generazione successiva possa crescere. Questo tipo di bambù è coinvolto in “ Prevenire l’erosione del suolo e prevenire le frane “, dichiara il biologo giapponese. Non dimentichiamo anche le industrie locali che utilizzano come materiale il bambù henon.

READ  Crepe previste con il cambiamento climatico

Toshihiro Yamada vuole ora studiare queste piante in Cina per vedere se producono semi più facilmente in quel Paese. In realtà non sappiamo se il processo di rigenerazione del bambù henon richieda tanto tempo in Cina quanto in Giappone.