Maggio 29, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Questo software antivirus molto popolare raccoglie i tuoi dati di navigazione senza chiederti di venderli agli inserzionisti

Questo software antivirus molto popolare raccoglie i tuoi dati di navigazione senza chiederti di venderli agli inserzionisti

Da molti anni questo popolare software antivirus raccoglie informazioni sui browser web dei suoi utenti senza il loro consenso, per venderle a scopi pubblicitari. Oggi viene condannato dalle autorità.

Tra hack e virus, tutti i dispositivi connessi a Internet sono esposti a molteplici rischi. Ecco perché è altamente consigliabile proteggerli con strumenti antivirus specializzati, che si tratti di un computer o di uno smartphone. Potresti essere tentato di scegliere software gratuito, soprattutto perché alcuni di essi sono molto affidabili e hanno milioni di utenti. Ma ricorda il vecchio detto: “Se il prodotto è gratuito, tu sei il prodotto”. Non è raro che i software antivirus raccolgano e vendano segretamente i tuoi dati, il che pone problemi di privacy. È il caso di Avast, uno dei programmi antivirus più popolari, utilizzato da almeno 435 milioni di utenti in tutto il mondo. È particolarmente popolare in Francia, che è uno dei suoi cinque mercati più grandi.

Un'indagine congiunta di Motherboard e PCMag aveva precedentemente rivelato che l'estensione del browser Avast ha catturato una grande quantità di dati sui suoi utenti dal 2014 al 2020. Lo stesso vale per i software antivirus su smartphone e computer. Le rivelazioni hanno spinto la Federal Trade Commission (FTC), l’agenzia governativa statunitense responsabile della tutela dei consumatori e della regolamentazione della concorrenza, ad avviare un’indagine ad ampio raggio, i cui risultati sono stati appena pubblicati. Sembra che oltre a rubare segretamente i dati dei suoi utenti, Avast li abbia venduti per scopi pubblicitari. Non male per un'azienda responsabile della tutela dei propri clienti!

©avast

Per rubare i dati dei suoi utenti, Avast ha visitato la sua società di marketing digitale Jumpshot, che da allora è stata chiusa in seguito a queste scoperte. Cosa fa: grandi marchi come Google, Microsoft, Sephora e L'Oréal forniscono studi dettagliati sul comportamento dei loro potenziali clienti sul web. Pertanto, Avast ha raccolto le informazioni di navigazione dei consumatori, le ha archiviate a tempo indeterminato e le ha vendute a più di un centinaio di terze parti senza il consenso dei consumatori. Questi dati includevano la loro ubicazione, credenze religiose, condizioni di salute e opinioni politiche, ma anche i luoghi visitati e la loro situazione finanziaria. La cosa peggiore è che l’azienda non ha nemmeno adottato le misure necessarie per rendere anonimi i dati. Vengono venduti con identificatori univoci per ciascun browser. Combinando queste informazioni è teoricamente possibile risalire all’identità di un utente Internet. La cosa è ancora più grave perché la Federal Trade Commission ritiene che Avast abbia mentito ai suoi utenti. In effetti, la società si è impegnata a proteggerli dal tracciamento degli annunci online anche se lo ha fatto essa stessa.

READ  Nuovo record per la compensazione del CEO degli Stati Uniti nel 2021: ecco i primi cinque

La Federal Trade Commission ha inoltre vietato ad Avast di vendere i dati degli utenti raccolti dai suoi prodotti per scopi pubblicitari. Inoltre è stato ordinato di cancellare tutti i dati personali ancora archiviati da Jumpshot. Infine, ha ricevuto una multa di 16,5 milioni di dollari, che verrà utilizzata “Offrire un risarcimento ai consumatori”. La società ha ricordato di aver chiuso volontariamente Jumpshot nel gennaio 2020 dopo la rivelazione delle indagini. “Siamo impegnati nella nostra missione di proteggere e potenziare la vita digitale delle persone.”Ha sottolineato. “Sebbene non siamo d’accordo con le accuse della FTC e con la caratterizzazione dei fatti, siamo lieti di aver risolto la questione e non vediamo l’ora di continuare a servire i nostri milioni di clienti in tutto il mondo”.