Dicembre 1, 2021

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Questa non è responsabilità della Francia.


Questa è stata solo una frase in diverse ore di testimonianza, più di due mesi dopo l’inizio del processo contro i 20 accusati degli attentati del 13 novembre. Tuttavia, potrebbe far rivivere un vecchio conflitto franco-belga. François Hollande, l’ex presidente francese (2012-2017), è stato convocato dai partiti civili, in particolare per rispondere alle accuse di presunti “lacci” nel lavoro di intelligence e nella politica francese nei confronti dello Stato islamico.

Incredibile perdita

Dopo un briefing pubblico, è stato interrogato sul viaggio di Salah Abdeslam a Bruxelles la mattina del 14 novembre. L’unico sopravvissuto della squadra degli assassini aveva chiamato due suoi amici di Molenbeek, Hamza Atto e Mohamed Omari (ora accusato a Parigi) per venire a prenderlo. Poi i tre hanno preso la strada per il Belgio, e si è verificato un incidente che è stato considerato un grave “fallimento” della polizia.

Il veicolo è stato controllato alle 9:10 del 14 novembre dalla Gendarmeria francese al casello Hordain sulla A2. I tre uomini sono stati interrogati e hanno detto che stavano tornando da una casa vicina a Barbie. La gendarmeria ha permesso loro di partire dopo essersi consultati invano nei fascicoli belga e francese. Abdeslam è stato successivamente arrestato nel marzo 2016 in Belgio. Come è stato possibile questo fallimento? È colpa del Belgio, ha detto François Hollande. “Questo fatto non è responsabilità della Francia, è responsabilità di un altro Paese”.

Non ha detto il nome Belgio, probabilmente pensava che fosse ovvio. Interrogato in seguito su possibili carenze nella cooperazione internazionale, ha anche dichiarato: “Altri paesi europei non hanno avviato le riforme necessarie per aumentare il livello del loro monitoraggio”. E così questa polemica è stata riaccesa con parole coperte dall’ex presidente francese, facendo eco ai già molto acidi scambi tra commissioni d’inchiesta condotti in Francia come in Belgio nei mesi successivi agli attentati.

Trascurare?

Da parte francese, ci rammarichiamo che Salah Abdeslam non sia stato segnalato nel febbraio 2015 (interrogato in Belgio) come potenziale terrorista ma solo come potenziale criminale nel Sistema d’informazione Schengen (SIS), il fascicolo condiviso dalla maggior parte degli europei. Linee. Questo gli ha permesso di sfuggire, dicono i parlamentari francesi, all’arresto. I belgi hanno risposto nella loro relazione parlamentare che questa procedura Schengen è stata poco utilizzata, contrariamente ai rapporti dell’Interpol. Ma Salah Abdeslam era già stato elencato nel febbraio 2015 dall’Interpol come possibile terrorista dal Belgio e i francesi non hanno esaminato questa lista. Tanto che i deputati belgi hanno concluso nel loro rapporto che “i nostri servizi non sono stati in alcun modo negligenti e non hanno fatto nient’altro di sbagliato. Al processo, si è riscontrato che il nome di Salah Abdeslam compariva sul contratto di noleggio dell’auto degli assassini del Bataclan, che è stato scoperto dalla polizia francese intorno alle 11:00 la sera del 13 novembre. Tuttavia, questo documento non è stato rivelato e sfruttato fino a quando non è stato troppo tardi, il giorno successivo.

Thierry LeVeque / ALP

READ  Lukashenko minaccia di "tagliare il gas" all'Europa in caso di nuove sanzioni