Febbraio 28, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Quali sono gli effetti degli alimenti ultra-processati sulla nostra salute?

Quali sono gli effetti degli alimenti ultra-processati sulla nostra salute?

Scienziati dell’Università di Bristol e dell’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC) hanno dimostrato che il consumo di alimenti ultra-processati può essere associato ad un aumento del rischio di cancro del tratto gastrointestinale superiore (compresi bocca, gola ed esofago). . Il loro studio si basava su un'analisi della dieta e dello stile di vita di 450.000 adulti di età superiore ai 14 anni, nel gruppo EPIC. I risultati hanno rivelato che mangiare il 10% in più di alimenti ultra-processati era associato a un aumento del rischio del 23% di cancro della testa e del collo e a un aumento del rischio del 24% di adenocarcinoma esofageo.

Anche se l’obesità è un fattore di rischio per molti tipi di cancro, i ricercatori di questo studio hanno dimostrato che il sovrappeso, e quindi indirettamente la scarsa qualità nutrizionale dei prodotti ultralavorati, non possono spiegare tutte le associazioni con il cancro.

>> Leggi anche: Digiuno intermittente: qual è il suo effetto sul cervello?

Altri modi per spiegare il cancro

Questi risultati spingono gli scienziati su altre strade. “Gli additivi come alcuni dolcificanti ed emulsionanti, i loro possibili effetti o anche i contaminanti presenti nella confezione possono causare disturbi endocrini o metabolici, stress ossidativo o infiammazioni croniche che possono favorire l'insorgenza del cancro”, spiega la dottoressa Mathilde Touvier, direttrice della ricerca del Centro . . Isrm. E continua: “Alcuni processi di lavorazione alimentare generano anche contaminanti come gli acidi grassi trans durante l’idrogenazione degli oli, o l’acrilammide riscaldando prodotti contenenti amido ad alte temperature, ad esempio. Sappiamo già che queste sostanze hanno potenziali legami con il cancro. Se modificata, anche la matrice alimentare risulta disorganizzata rispetto ai prodotti di base e può causare problemi con la biodisponibilità dei nutrienti. L’impatto del cibo sulla salute può essere classificato in tre dimensioni: qualità nutrizionale, livello di lavorazione e inquinamento ambientale. Per ridurre i rischi per la salute, i consumatori dovrebbero verificare questi diversi aspetti utilizzando, rispettivamente, la lista degli ingredienti Nutri-Score, preferendo, come principio precauzionale, quelli con additivi minimi e il logo biologico che aiuta a limitare l’esposizione ai pesticidi.

READ  Care for You lancia i convegni Sport Santé

Enorme mancanza di dati

L’effetto dannoso dei prodotti di scarsa qualità nutrizionale, come nel caso di molti alimenti ultra-processati, è già ben documentato. Questi alimenti contengono in media più sale, zucchero e grassi e meno vitamine e fibre, il che favorisce le malattie cardiovascolari, l’obesità, il diabete e persino alcuni tipi di cancro.

D’altro canto, le conseguenze del consumo di additivi alimentari non sono ancora ben comprese. Per la dottoressa Mathilde Touvier ci sono ancora dei buchi nel racket: “Esiste un elenco di sostanze approvate che devono rispettare un limite di dose, ma per la maggior parte degli additivi non è stato ancora condotto uno studio sui loro effetti a lungo termine sull'uomo. Per non parlare degli effetti cocktail.” “Una recente ricerca nello studio NutriNet-Santé ha dimostrato un'associazione tra il consumo di alcuni emulsionanti, conservanti (nitriti) e dolcificanti (aspartame) e il rischio di varie malattie (cardiovascolari, cancro, diabete, ecc. ) Sono in corso lavori sugli effetti delle miscele di additivi.

>> Leggi anche: E se mangiare presto aiutasse a proteggere il cuore?

L'effetto della contaminazione con i materiali di imballaggio è peggiore. “Esiste uno stock di materie plastiche, presenti soprattutto nei mobili, che migrano nell'ambiente e che vengono utilizzate anche a contatto con gli alimenti. Per altri materiali come cartone o carta non esiste documentazione; non conosciamo tutte le molecole che potrebbe spostarsi dal contenitore al contenuto, soprattutto perché i controlli su questo argomento sono ancora molto vaghi», lamenta il ricercatore.

Tuttavia, nei prossimi anni, gli scienziati del team di Mathilde Tuvier si concentreranno sull'inquinamento associato agli imballaggi alimentari. “Utilizzeremo il kit NutriNet-Santé, che ci permette di vedere quali prodotti e marchi consumano i partecipanti. In questo modo saremo in grado di studiare l'impatto delle diverse pratiche e contenitori sulla salute.”

READ  Domanda scientifica. Perché le api sono brave in matematica