Febbraio 2, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Puoi davvero “prendere un raffreddore” quando le temperature scendono? La scienza finalmente dice di sì

“Ho preso un raffreddore” (anche questo è vero). Allo stesso tempo fa molto freddo e molto freddo, e come ogni anno quando le temperature scendono, tutti prendono il raffreddore. Dal classico freddo al influenzaIl bronchiolite;E nasofaringite e angina, senza dimenticare il Covid-19, è iniziata la stagione delle infezioni respiratorie e ovunque la gente tossisce, tira su col naso, si soffia il naso e starnutisce. Solo che finora, sulla base della parola di un medico, abbiamo scoperto virus e germi. Ma “freddo”, no, una cosa del genere non esisteva.

Tuttavia, la scienza ha appena rivisto la sua versione. Secondo uno studio recentemente pubblicato su Giornale di allergia e immunologia clinicaL’esposizione al freddo influenzerà l’immunità antivirale nasale. Come ? 20 minuti Ti spiega tutto.

La barriera immunitaria nasale

Se finora l’idea di prendere un raffreddore è stata demolita è perché medici e scienziati hanno spiegato la recrudescenza delle infezioni respiratorie in inverno con una ben precisa abitudine stagionale. “In generale, si pensa che la stagione del raffreddore e dell’influenza si verifichi nei mesi più freddi perché le persone vivono più al chiuso, dove sono virus Nel commento potrebbe diffondersi più facilmente”, ha riassunto Benjamin Blair, coautore dello studio e chirurgo presso la Harvard Medical School.

Ma che si tratti di un promontorio, di uno scoglio, di un picco, di una penisola o di qualsiasi piccola cosa, i nostri nasi custodiscono un esercito di soldatini pronti a raggrupparsi in una falange e ad attaccare qualsiasi virus possa solleticarci il naso. Il coautore dello studio, il professor Mansoor Ameji, professore alla Northeastern University di Boston, ha scoperto in un precedente lavoro svolto nel 2018 che le cellule del naso rilasciano vescicole extracellulari (EV), che sono una nuvola di minuscole particelle che attaccano i batteri quando vengono inalate. “La migliore analogia è un nido di calabroni”, afferma il ricercatore. Come le vespe che difendono il loro nido quando vengono attaccate, gli uccelli difficili volano in sciami per attaccarsi e uccidere gli invasori.

READ  Il dottore e la scienza si sono svegliati

Risposta immunitaria indebolita dal freddo

In questo nuovo studio, i ricercatori volevano sapere se il naso secerne questi EV in presenza di un virus e se la loro efficacia è influenzata da il calore ? Per determinarlo, hanno utilizzato la mucosa nasale di volontari (che stavano subendo un intervento chirurgico per rimuovere i polipi) e un materiale di propagazione dell’infezione virale. Hanno diviso le mucose nasali in due gruppi, con cellule coltivate in laboratorio a 37°C per alcuni ea 32°C per altri. Le temperature scelte dai test mostrano che la temperatura all’interno del naso scende di circa 5°C quando l’aria esterna scende da 23°C a 4°C.

conseguenze? Gli scienziati hanno scoperto che mentre il naso produce effettivamente veicoli elettrici per combattere i virus, un abbassamento del termometro potrebbe influire sulla sua capacità protettiva. In normali condizioni di temperatura corporea, i veicoli elettrici presentano “esche” per i virus, a cui questi ultimi si attaccano, piuttosto che i recettori cellulari che normalmente prendono di mira. Prevenendo così l’infezione. Ma a temperature più basse, i VE non sono solo meno abbondanti, ma anche meno efficaci contro i virus testati: due rhinovirus e un coronavirus (nonMalattia di coronavirus) correnti durante l’inverno. In pratica, “quando il termometro scende sotto i 5 gradi Celsius, il funzionamento di questa barriera immunitaria, la risposta antivirale in campo otorinolaringoiatrico è meno efficace. Da qui questa espressione di avere il raffreddore”, afferma il dottor Benjamin Davido, patologo. all’ospedale Raymond Poincaré di Garches.

Trattamenti futuri e “imbracature ORL”

Quindi, fino ad ora, “non c’è stata una ragione molto convincente per spiegare perché c’è un apparente aumento delle infezioni virali durante i mesi più freddi”, ha sottolineato in un comunicato stampa Benjamin Bleier, coautore dello studio e chirurgo della Harvard Medical School . “Questa è la prima spiegazione quantitativamente e biologicamente plausibile”.

READ  Vitamina D, protezione efficace contro il declino cognitivo

Questo lavoro potrebbe consentire di comprendere meglio i meccanismi di azione delle infezioni respiratorie, ma anche di sviluppare trattamenti per stimolare la produzione naturale di EV, in modo da poter reagire meglio. Quei virus invernali“Questa è un’area di ricerca che ci interessa molto, e senza dubbio continueremo su questa strada”, afferma Mansour Amiji.

Nel frattempo, “Mentre siamo in pieno inverno, i meteorologi A Tripla epidemia COVID-19, la bronchiolite è comune e la cosa migliore è indossare una maschera, descrive il dottor Davido. Non solo è un filtro che protegge dalla diffusione attiva delle infezioni respiratorie, ma ha un doppio effetto protettivo: protegge anche le cellule immunitarie nasali, riscaldando l’atmosfera nell’aria espirata, è una specie di sciarpa per il naso e la gola.