Aprile 17, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

psicologia. È meglio vivere con rimpianti o rimpianti?

psicologia.  È meglio vivere con rimpianti o rimpianti?

È probabile che il rimpianto e il rimorso si intromettano in qualsiasi momento nella nostra vita. Ma “questi sentimenti possono avere ripercussioni negative a livello fisico (emicranie, disturbi del sonno) e psicologico (depressione, bassa autostima)”, spiega Virginie Tonus, psicologa a Bruxelles (Belgio).

La differenza tra i due? “Il rimpianto è associato a un'azione che consideriamo cattiva e/o contro gli altri”, spiega. Mentre il rammarico è «più vicino a una negligenza in un atto o a qualcosa che non è stato detto».

Il punto comune? Ciò può portare a quello che lei chiama “colpa sterile”, poiché “non possiamo tornare indietro nel tempo e cancellare ciò che è stato fatto o ricominciare da capo”.

Ripara!

D’altra parte, se la riforma è ancora possibile, “facciala”, grida lo psichiatra. Ma se eseguire questa azione sembra troppo difficile, “Chiediti perché?” Fu davvero una mossa sbagliata in quel momento? Me ne pento davvero? eccetera. »

A suo avviso, il percorso verso la riparazione implica anche mettere in discussione l'atto o l'evento che provoca rimorso o rimorso. “Cosa posso ricavarne?” chiede. “Si tratta di vederne i benefici” e quindi analizzarlo da un lato più positivo.

“Mi permette di vedere altre opzioni che prima ignoravo per migliorare me stesso?” In effetti, il rimorso o la contrizione ci permettono di valutare il comportamento passato e correggere le cose se necessario.

Quanto alla domanda se sia meglio convivere con il rimorso o con il rimpianto, nessuna risposta è più legittima dell'altra…

Tuttavia suggerisce di adottare un atteggiamento che ci permetta di liberarci da alcuni e da altri. Questo deriva dal mio mantra: “Tutto è giusto! Per me, farlo o non farlo è comunque giusto”, dice la psicologa.

READ  Il Comitato per l'assunzione dei medici incontra il Ministero della Salute