Luglio 21, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Possedere un gatto o un cane è diventato quasi un lusso: i ricarichi sui prodotti a volte raggiungono il 50%!

Possedere un gatto o un cane è diventato quasi un lusso: i ricarichi sui prodotti a volte raggiungono il 50%!

Tuttavia, vediamo aumenti di prezzo variabili a seconda dei marchi e dei marchi. Su tutti i marchi che abbiamo analizzato con il nostro esperto. Christophe Echment, CEO dell’app di comparazione dei prezzi PingPrice, vediamo che nessun prodotto è caduto. Come per tutti i prodotti di consumo, la tendenza è al rialzo (forte).

“L’aumento medio nel panel dei marchi Animals è coerente con la tendenza osservata per altri marchi, con Colruyt che aumenta ulteriormente i suoi prezzi e riduce il divario con i suoi concorrenti. Due esempi: Pedigree (+36%) mentre Delhaize e Carrefour sono aumentati solo del 17 %.”

Colruyt ha improvvisamente perso il suo potere negoziale con i marchi? Oppure cerca, pur mantenendo prezzi competitivi rispetto ai concorrenti, di aumentare i propri margini per compensare il deficit gravato dai recenti risultati? Considerati gli aumenti più pronunciati del leader della distribuzione complessiva, possiamo davvero interrogarci su questo strano effetto di recupero.

“Allo stesso modo, Whiskas è aumentato del 31% in Colruyt mentre l’aumento è stato più contenuto in Delhaize (24%) e in Carrefour (21%). A livello del marchio del distributore, vediamo la stessa tendenza in Colruyt con incrementi del 19% (ogni giorno) e il 15% (Bonnie). Mentre a Delhaize raggiungiamo solo il 3% e addirittura il -9% per 365. Carrefour ha ottenuto anche un aumento del 16% in termini di marchio.”

Questi risultati evidenziano ancora una volta le differenze nelle differenze di prezzo da un marchio all’altro. Non è infatti normale che un distributore aumenti i prezzi, su alcuni prodotti come Catisfaction, del 47,48%, mentre allo stesso tempo Carrefour può limitarsi ad un aumento del 15,16%. Come in altre categorie di prodotti, possiamo vedere chiaramente che Colruyt vuole continuare la sua strategia di offrire i prezzi più bassi sul mercato, ma non esita ad aumentare i prezzi il più possibile, anche se questo riduce il divario con la concorrenza.

Aumento dell’alimentazione animale ©IPM Graphics

Più costoso per i gatti

Altra nota: gli aumenti dei prezzi hanno avuto un impatto maggiore sui prodotti destinati ai gatti rispetto a quelli destinati ai cani.. “Vediamo che i prezzi sono leggermente più alti per i gatti +16% rispetto ai cani +12%, soprattutto a Colruyt. Carrefour è caratterizzato da un forte aumento dei prezzi degli alimenti per roditori e uccelli. L’analisi per tipologia di alimenti rivela un aumento maggiore prezzi per mangimi per roditori e uccelli.Secco (kebab, ecc.) rispetto a umido (vassoi, sacchetti freschi, ecc.) soprattutto a Colruyt, Delhaize segue questa tendenza con aumenti minori.Carrefour, offre un aumento simile tra i due. Per quanto riguarda gli snack, il premio è andato a Delhaize con il 14%, seguita da Carrefour con il 12% e Colruyt ultima con il 9%. In termini di rifiuti, Colruyt schiaccia i suoi concorrenti con un aumento medio del 37%, e Carrefour rimane a un livello simile Per gli altri tipi di prodotti il ​​Delhaize aumenta solo del 9%.

READ  USA-Valori da seguire a Wall Street (Aggiornato) - 07/03/2023 15:36

Possedere un animale domestico è una responsabilità. Sebbene la maggior parte dei proprietari di cani, gatti e altri roditori o uccelli si assumano pienamente questa responsabilità, per alcuni è diventata finanziariamente onerosa, costringendoli ad abbandonarla…

Per i prodotti animali, come per tutti i prodotti e beni di consumo, confrontare prezzi e promozioni resta il modo migliore per risparmiare. “Per questo motivo, nella nostra app PingPrice ti permettiamo anche di confrontare i prodotti animali tra i supermercati scansionando il codice a barre del prodotto.”“, conclude Christophe Eichment.