Luglio 21, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Perché TotalEnergies acquisterà 500.000 tonnellate di idrogeno verde per le sue raffinerie di petrolio?

Perché TotalEnergies acquisterà 500.000 tonnellate di idrogeno verde per le sue raffinerie di petrolio?

Perché TotalEnergies acquisterà 500.000 tonnellate di idrogeno verde per le sue raffinerie di petrolio?

Un episodio del processo di gas flaring presso la raffineria di Feyzin di TotalEnergies / Foto: Tom à la rue – Flickr CC.

Il colosso petrolifero francese cerca di ridurre l’impronta di carbonio delle sue raffinerie europee sostituendo l’idrogeno fossile con idrogeno verde. È una scelta strategica che è stata criticata, ma che alla fine potrebbe rivelarsi vantaggiosa.

TotalEnergies ha appena lanciato un bando di gara per l’acquisto di 500.000 tonnellate di idrogeno verde all’anno per le sue raffinerie. Ma cosa fa questa tanto decantata energia nel contesto della transizione energetica, nel bel mezzo della raffinazione degli idrocarburi fossili? L’idrogeno è ampiamente utilizzato nelle raffinerie per rimuovere lo zolfo naturalmente presente nel petrolio. Perché quando rimane nell’olio, durante la combustione genera anidride solforosa, un gas dannoso per la salute e l’ambiente.

Oggi TotalEnergies utilizza idrogeno prodotto da combustibili fossili, ma il processo è estremamente inquinante. Parliamo di 10-30 tonnellate di emissioni di CO2 per produrre una tonnellata di idrogeno. Pertanto, per continuare a decarbonizzare la propria industria, TotalEnergies vuole passare all’idrogeno verde nelle sue raffinerie europee (5 in Francia e 3 nel resto d’Europa). Secondo Jean-Marc Durand, direttore dei siti europei di raffinazione e petrolchimici di TotalEnergies, questo processo consentirà una riduzione delle emissioni di anidride carbonica di circa 5 milioni di tonnellate all’anno.

I diversi “colori” dell’idrogeno a seconda di come viene prodotto / Infografica: La Rivoluzione Energetica.

Produrre così tanto idrogeno consumerebbe enormi quantità di elettricità

Tuttavia, la pubblicazione di questo bando di gara ha suscitato alcune critiche, soprattutto da parte del presidente Jean-Marc Jankovici Progetto di trasformazione E autore del fumetto “Le monde sans fin”, il pubblicizzatissimo studioso politecnico sottolinea in particolare il fabbisogno di elettricità che ne deriverà. Con le tecnologie attuali, la quantità di elettricità necessaria per produrre un tale volume di idrogeno verde ammonterebbe a 30 TWh, ovvero solo 10 TWh in meno rispetto alla produzione totale di elettricità dalle turbine eoliche in Francia nel 2020. Tuttavia, questa sarebbe solo una piccola parte di raffinerie europee, poiché l’Europa ne conta, in totale, più di 180.

READ  RTL Infos - Salari in rialzo: un altro passo verso il prossimo indicatore

Perché allora dedicare tali risorse a un settore che dovrebbe scomparire nei prossimi anni? Non ci sono priorità più importanti come la decarbonizzazione diretta dei trasporti, delle industrie o anche della mobilità pesante?

Leggi anche
Il Regno Unito vuole produrre idrogeno nelle turbine eoliche offshore

Tuttavia, questa potrebbe essere un’ottima notizia per il clima

Anche se a prima vista la decarbonizzazione delle raffinerie può sembrare strana, in realtà è una buona notizia. Innanzitutto, la strada verso un mondo senza combustibili fossili è ancora lunga e le raffinerie hanno ancora diversi anni davanti a sé. Queste raffinerie producono non solo carburanti per i trasporti, ma anche materiali e molecole che vengono utilizzati per creare un’ampia gamma di prodotti, dai gioielli di plastica ai medicinali. Pertanto, ridurre il consumo di anidride carbonica è ancora una buona notizia.

Inoltre, a fronte degli ingenti investimenti finanziari necessari per riuscire nella transizione energetica, è oggi inconcepibile fare a meno dell’impegno di grandi attori del settore privato come Total Energy, anche se le soluzioni proposte non sono del tutto in linea con le priorità europee . O la Francia.

Infine, le quantità di idrogeno menzionate possono servire come base reale per lo sviluppo reale del settore dell’idrogeno verde in Europa. Oggi fatica ancora a svilupparsi, soprattutto in Francia, nonostante numerosi progetti, alcuni dei quali sostenuti dal governo.