Maggio 22, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Pelayo Sanchez frustra Julian Alaphilippe nella sesta tappa del Giro

Sui sentieri rocciosi della Toscana, la sesta tappa di questo Giro prometteva uno spettacolo mozzafiato. È successo. Tra Viareggio e Rapolano Terme (situate a meno di 30 chilometri da Siena), il gruppo ha preso le strade e i tracciati delle Strade Bianche. Così, giovedì mattina, quando è arrivato il momento di decidere il favorito, tutti gli occhi si sono naturalmente rivolti a Tadej Pogacar. È lui che ha vinto due delle ultime tre edizioni della classica italiana dopo incursioni individuali, e solo lui ha il suo segreto. Ma Bougie rimase riservato, per una volta non consueto. L’altro nome che aspettavamo è quello di Julian Alaphilippe, il vincitore 2019 su queste stesse piste bianche. Il francese non ha deluso il suo attacco in questa fase. Ma dovette aspettare 100 chilometri per ritrovarsi in quella che sarebbe diventata la fuga vittoriosa. Con lui altri sei nomi, tra cui l’australiano Luke Blabb e il giovane corridore della Movistar: Pelayo Sanchez.

Pelayo Sanchez, come quello grande

Lo spagnolo, che lo scorso marzo ha festeggiato il suo ventiquattresimo compleanno, non figurava nell’elenco dei vincitori per le strade della provincia di Siena. C’è da dire che prima del successo di giovedì, il giovane asturiano aveva ottenuto solo una vittoria di tappa al Giro delle Asturie e un successo nel Trofeo Pollenca – Port d’Andratx come riferimento. Abbastanza irrisorio rispetto al doppio titolo del campione del mondo Julian Alaphilippe e del campione australiano Luke Plabb. Ma probabilmente era lui quello che aveva meno da perdere. Come talvolta accade in questo tipo di situazioni, alla fine vince l’outsider. “È incredibile, non ho parole da dire. È una giornata pazzesca, pazzesca. Fin dall’inizio del Giro ho risparmiato energie perché non ero al meglio. Volevo entrare nella separazione, cosa che ho ottenuto oggi. Ma non osavo sognare questa vittoria”.– ha gridato il vincitore di oggi al termine della tappa.

Julian Alaphilippe è arrivato secondo nella tappa di giovedì. ©Laprice

Julian Alaphilippe, secondo posto dal sapore amaro

Quando non vuole, non vuole. Ancora alla ricerca di una vittoria record da quando ha vinto il Delfinato il 5 giugno 2023, il francese ha sbagliato una buona mossa. E in questa fase, che gli si addice così bene, non può rimproverarsi molto. Fatta eccezione per la sua incapacità di fare la differenza nella gara sprint dove sembrava essere il favorito naturale grazie alla sua velocità massima. Al-Avbulak non ha nascosto la sua amarezza alla fine della tappa: “È doloroso essere così vicini alla vittoria.” Tuttavia, vedere il francese di nuovo davanti fa bene agli appassionati di ciclismo ma anche alla sua autostima, ai livelli più bassi dalla caduta alla Liegi-Bastogne-Liegi, due anni fa. Quindi è stata una doppia delusione, perché il francese aveva anche il potenziale per diventare il 109esimo corridore a iscrivere il suo nome nell’elenco dei vincitori di tappa dei tre Grandi Giri. Domenica, Bogie è arrivato 108esimo con una vittoria all’European Haven. La vittoria avrebbe potuto essere ancora più simbolica, poiché giovedì Patrick Lefebvre è diventato donatore di una bottiglia di lusso. È un enorme disprezzo quando conosciamo i rapporti tesi tra il presidente della Quick Step e il due volte campione del mondo. Dopo le dichiarazioni incendiarie rilasciate recentemente dal belga nei confronti della moglie di Julian Alaphilippe. Ma non c’è dubbio che con queste gambe dovremmo rivedere il francese davanti in questo Giro. Con sua grande felicità e quella del suo capo.

READ  L'atleta 28enne ha quasi perso la vita a Charleroi: “Era molto difficile vivere” | Charleroi e la sua regione