Luglio 24, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Nuovi bancomat: il governo federale è costretto a rivelare il suo accordo con Batopen

Nuovi bancomat: il governo federale è costretto a rivelare il suo accordo con Batopen

Comitato per l’accesso ai documenti amministrativi (CADA) Il 4 ottobre si è pronunciata a favore di Financité, Testachats e Okra nel loro ricorso volto ad ottenere i dettagli dell’accordo firmato tra il governo federale e il settore bancario sull’installazione di bancomat nell’ambito del progetto Batopin. Le associazioni si sono rallegrate di ciò in un comunicato stampa diffuso martedì e sono ora in attesa dei documenti richiesti.

Il Progetto Batubin è un accordo tra il governo federale e il settore bancario volto a garantire l’accesso agli sportelli bancomat in luoghi precedentemente abbandonati. Un nuovo accordo firmato il 31 marzo promette di creare altri 207 siti per installare questi dispositivi.

Tuttavia, le associazioni Financité, Testachats e Okra hanno messo in dubbio la metodologia utilizzata per determinare la distribuzione dei distributori. Hanno messo in dubbio in particolare la mancanza di dati sulla distanza massima da percorrere per raggiungere il dispositivo. All’inizio di giugno, le associazioni hanno inviato diverse richieste al governo federale per accedere ai documenti relativi alla metodologia utilizzata dalla Banca nazionale belga (BNB) per determinare la distribuzione dei distributori e il tasso di copertura previsto per il 2025 e oltre. Numero di distributori per comune

Ma il governo federale ha rifiutato a causa di informazioni potenzialmente sensibili. Di fronte a questo rifiuto, le associazioni si sono rivolte a settembre all’Autorità, che ha accolto la loro richiesta. “Stiamo ora aspettando la documentazione dettagliata dell’Accordo Batubin per poter verificare con precisione se il progetto risponde ai bisogni concreti e agli interessi dei cittadini.“, dichiara la portavoce del Testachats, Julie Freer.