Luglio 24, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Numeri molto dolorosi: solo il 2% dei film francesi guadagna al cinema

Numeri molto dolorosi: solo il 2% dei film francesi guadagna al cinema

Le perdite del cinema francese

La sentenza della Corte dei Conti è davvero dura: “In definitiva, il sistema finanzia film che raramente sono altamente redditizi: solo 12 dei 574 film sostenuti tra il 2011 e il 2018 hanno registrato ricavi al botteghino a metà del 2022 superiori al costo totale delle opere, ovvero il 2% del costo totale delle opere. “. Tutti i film sono supportati. Due terzi delle opere sostenute generano ricavi teatrali che rappresentano meno del 20% del loro costo totale. L’osservazione è sorprendente.

Preoccupante è anche il fatto che un terzo dei film non abbia attirato nelle sale nemmeno 20.000 spettatori nel 2019, rispetto a “solo” un quarto di dieci anni fa. È evidente il crescente divario tra i produttori che mirano a vincere premi ai festival e il pubblico in generale che attende più intrattenimento.

Voci di film belgi

La situazione francese mette i brividi lungo la schiena, ma da noi? È difficile dirlo, perché non esistono dati ufficiali sulla redditività dei lungometraggi. Ma in termini di ingressi nelle sale, contrariamente a quanto si crede, i nostri cineasti se la passano molto bene. Senza avvicinarsi alle vette, per restare nei numeri francesi dello scorso anno, Nessuno deve saperlo di Polly Lanners ha attirato 145.640 spettatori (di cui 28.125 in Belgio), Niente di cui fregarsene 126.028 (e 11.463 in Belgio), Toure e Lokita dei fratelli Dardenne 71.757 (e 40.052 nel nostro Paese), Yoko e fiore himalayano 94.734 (e 16.625 nelle nostre sale), Inesorabile Di Fabrice de Wales con Benoît Boilford 25974 (e 8.61 in Belgio). In totale, i 25 film d’origine belga (tra cui solo 11 romanzi) hanno attirato 574.122 spettatori nelle sale francesi, con un aumento del 21% rispetto all’anno precedente.

READ  Francis Ford Copolla passe aux aveux, voici ses vérités sur le tournage de la mitica saga du "Parrain"

Questi film sono redditizi nelle sale? Con un budget medio in Belgio di 2,22 milioni di euro (ma 5,9 milioni di euro). Tori e Lukita), se consideriamo il prezzo medio del biglietto annunciato dall’Associazione Belga dei Cinema di 8,90 euro, servirebbero teoricamente 247.191 spettatori in totale per coprire i suoi costi. Si tratta di un risultato che nessun film belga francofono è riuscito a raggiungere l’anno scorso.

Cos’è la redditività?

Fortunatamente, la redditività non si calcola esclusivamente in termini di entrate. Ad esempio, anche il merchandising, le vendite televisive o il VOD svolgono un ruolo. Anche i meccanismi di aiuto, come gli scudi fiscali, cambiano la situazione. Il prestigio e le conseguenze future dei 330 premi raccolti all’estero non possono essere misurati finanziariamente. Pertanto non dovremmo sempre dare troppo credito ai numeri.