Ottobre 5, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Nella Biblioteca Nazionale di Francia, i videogiochi sono un “patrimonio culturale in sé” che deve essere preservato

Oltre a vecchi libri, film, documenti audio … Ci sono armadi musicali, Game Boy o Magnavox Odyssey dagli Stati Uniti: con circa 20.000 oggetti di videogiochi conservati, la Biblioteca Nazionale di Francia a Parigi possiede una delle più grandi collezioni del suo genere , un “Patrimonio culturale completo“Tenere attentamente.

Per accedere ai tesori dei videogiochi della Biblioteca Nazionale della Repubblica francese, devi recarti in una delle quattro torri, alte 79 metri e 22 piani ciascuna, nella Biblioteca François Mitterrand (dal nome dell’ex Presidente della Repubblica, 1981 -1995), nel sud-ovest di Parigi. Con una scorta onesta per superare vari controlli di sicurezza.

Per BnF, un videogioco è prezioso quanto altri tipi di documenti salvati

Al centro del grammofono e dei tabelloni musicali nel santuario di Charles Cross (poeta e inventore francese del XIX secolo), due mostre presentano dozzine di console emblematiche della storia dei videogiochi, come il famoso Nintendo Game Boy, Atari Lynx, Sega Saturno e soprattutto il rarissimo Magnavox Odyssey, commercializzato nel 1972 negli Stati Uniti.

Ci riserviamo queste console per dare ai futuri ricercatori, tra decine o addirittura centinaia di anni, di capire come si giocano questi videogiochi e quale hardware viene utilizzatoLo spiega ad AFP Laurent Dublois, capo del servizio multimediale nel dipartimento dedicato alla Biblioteca nazionale di Francia (BNF).

Per BnF, un videogioco è prezioso quanto altri tipi di documenti salvati. Le prestiamo la stessa attenzione, in quanto è di per sé un patrimonio culturale‘, Aggiunge.

La missione del BnF rimane top secret, in quanto chiarisce la legge sulla “raccolta e conservazione del patrimonio videoludico”deposito legaleDocumenti multimediali, risalenti al 1992.

READ  Test Huawei Nova 9: ​​senza 5G è difficile da dimostrare

Sebbene il testo non menzioni direttamente i videogiochi, include software interattivo in questo sistema di conservazione e quindi, per estensione, la produzione di videogiochi. Ogni copia o titolo di gioco deve essere depositato nel BnF in duplice copia: una per la conservazione e una per la consultazione.

Con un team di 20 persone dedicate a questo compito, responsabili della raccolta, magazzinieri e ingegneri, BnF è stata in grado di raccogliere 2.000 di questi documenti ogni anno.

materializzazione

Dopo la console, scendi alcuni piani sottostanti per scoprire le migliaia di giocattoli conservati nelle gallerie di conservazione, immersi nell’oscurità a una temperatura costante di 19 gradi e al riparo dall’umidità.

Riconfezionato in scatole neutre, ogni gioco ha una valutazione da indicizzare nel catalogo generale della biblioteca.

Da Adibou, il popolare gioco educativo, alla prima creazione di Tomb Raider, che ha reso famoso il personaggio Lara Croft in tutto il mondo, passando per gli ultimi episodi del gioco di avventura Assassin’s Creed, tutti i generi sono rappresentati su tutti i supporti possibili (cartucce, dischi, CD, ecc. che).

Ma come si fa a mantenere questi giochi per sempre quando i media fisici si deteriorano nel tempo e sono minacciati dall’obsolescenza tecnologica?

Grazie alla digitalizzazione dei giochi analogici e “simulazioneLaurent Duplouy spiega: “Questo software è stato sviluppato da comunità di appassionati che ti consentono di giocare ai vecchi giochi sui PC moderni.

Abbiamo due ingegneri nel reparto multimediale che monitorano costantemente questi problemi per trovare gli emulatori, farli funzionare e abbinarli ai nostri set.“, Indica.

Un altro tema che verrà affrontato dai curatori di BnF è: la fisicizzazione dei giochi (“giochi di nuvole”), che si sta affermando sempre più come il modello videoludico dominante, come il fenomeno Fortnite, ed è accessibile solo online attraverso una piattaforma dedicata e tramite aggiornamenti regolari.

READ  WhatsApp: presto arriverà una nuova funzione

Siamo in trattative con editori e alcune piattaforme per trovare un modo per ripristinare i giochi legalmente depositati nella loro forma dematerializzata.’”, assicura il regista, riconoscendo i limiti tecnici imposti da questo nuovo paradigma.